I fratelli Sisters

Un western se vogliamo atipico, in cui le pistole sono in secondo piano rispetto ai rapporti umani, familiari e alla ricerca disperata dell’oro. Come nella migliore tradizione americana, però, l’epopea del west e della rincorsa all’oro si mescolano ad inseguimenti, rincorse ed attese, che sono il vero fulcro de I fratelli Sisters.

Macchine mortali

Nell’eterno scontro tra passato e futuro, che in questo caso tocca anche padri e figlie/i, vincono gli effetti speciali, lasciandoci la sensazione di qualcosa di non concluso, di non ben approfondito, ma di già visto.

Beautiful Boy

Presentato quest’anno al Rome Film Fest, Beautiful Boy di Felix Van Groeningen riprende le biografie di David Sheff e del figlio Nic adattandole al grande schermo, confezionando un film che restituisce un resoconto di una tossicodipendenza candidata a compiere il suo percorso suicida.

Nureyev

Fuori concorso al Trieste Film Festival, il regista Ralph Fiennes (Ralph Nathaniel Twisleton-Wykeham-Fiennes) presenta la pellicola Rudolf Nureyev – The White Crow, un biopic sul celebre ballerino russo.

il colpevole

Nell’intelligente e originale film del regista danese Gustav Möller Il colpevole – The Guilty (2018) ci troviamo in un continuo intervallo di dialogo tra due interlocutori a distanza. Campo e controcampo, la voce diviene corpo plurale, protagonista della vicenda.

can you ever forgive me

Can You Ever Forgive Me? arriva in Italia con la traduzione Copia originale, la pellicola di Marielle Heller. Siamo nel 1990 a New York, Melissa McCarthy indossa i panni di Lee Israel, scrittrice “dimenticata” e lontana dalla sua affermazione di…

vice

Chi è davvero Dick Cheney? Il regista americano Adam McKay con Vice – L’uomo nell’ombra, ci consegna una pellicola che è capace di racchiudere più di cinquanta anni di guerre, di autoritarismi, governati dalla prepotenza americana. C’è un un unico…