Hermann Hesse

Hermann Hesse: tre romanzi tra natura e spirito

Tra i numerosi romanzi di successo scritti da Hermann Hesse, abbiamo deciso di consigliarvi tre capolavori assoluti da leggere assolutamente. Siddhartha, Il lupo della steppa e Narciso e Boccadoro. Romanzi in cui è evidente il contrasto tra spirito e natura.

Kent Haruf

Kent Haruf – La strada di casa

Torniamo ad Holt, facendo appunto a ritroso La strada di casa assieme al protagonista, e troviamo la solita raccolta di personaggi fragili ma tenaci al tempo stesso. Capiamo che non si sono arresi, che hanno atteso, che hanno covato rabbia dentro di loro. Una rabbia pronta ad esplodere per un ritorno.

strage di Ustica

Strage di Ustica: cosa leggere per saperne di più

Nella strage di Ustica morirono 81 persone. A diversi anni dalla strage sono state fatte varie ipotesi sulle cause, tra cui quella di un intrigo internazionale che vede coinvolte Francia, Libia e USA. Il volo sarebbe stato accidentalmente abbattuto da un missile. Anche la letteratura ha trattato la strage di Ustica. Ecco 5 libri per capire e cercare la verità.

Roberto Camurri

Roberto Camurri: racconto ciò che è profondamente mio

Roberto Camurri è tornato in libreria con il romanzo Il nome della madre (NN editore). Una storia intima, che parla di famiglia e generazioni, e che segue il filone di A misura d’uomo nello scavare e raccontare l’animo umano e alcuni momenti della vita. In questa intervista a Roberto Camurri abbiamo cercato di capire meglio il suo stile, cosa vuol dire per lui muoversi tra presente e passato, il rapporto tra letteratura e tempo.

George Orwell

George Orwell: il totalitarismo tra distopia e realtà

Si chiamava Eric Arthur Blair, ma tutti lo conosciamo come George Orwell. Nato a Motihari il 25 giugno 1903, è morto a Londra il 21 gennaio 1950. Nella sua carriera è stato scrittore ma anche giornalista, critico letterario ed attivista….

Ilaria Rossetti

Ilaria Rossetti: narrazione, memoria e cose da salvare

Con il suo romanzo Le cose da salvare, Ilaria Rossetti è tornata sul panorama letterario italiano, e lo ha fatto con estremo successo. Il libro è una splendida riflessione sulla memoria, sul senso delle cose e sul tempo che passa. Soprattutto sulla precarietà della vita e su ciò che davvero vorremmo, appunto, salvare. In questa intervista a Ilaria Rossetti abbiamo quindi parlato del suo libro, dei suoi personaggi, e del rapporto tra tempo e memoria, tra scelta e non scelta, tra letteratura e realtà.