Richard Jewell

Lo stoico Clint Eastwood, arrivato alla veneranda età di novanta anni, torna dietro la macchina da presa, e ancora una volta non sbaglia un colpo, scavando con lucidità fin dentro l’oscura verità macchiata e mediata dai “giochi di potere”. Richard Jewell  è il suo nuovo film.

1917

L’odissea di 1917 di Mendes mescola estetica narrativa, tecnica digitale e sensazionalismo del gaming. La guerra resta un corpo a corpo, una fuga impari contro il tempo che non paga, una speranza offuscata al sapore di latte appena munto, una missione suicida, una coltellata fatale del nemico, un palazzo in fiamme, desolazione e distruzione.


Sorry We Missed You diretto da Ken Loach e sceneggiato da Paul Laverty è un film perfetto, talmente perfetto che ancora si sente il colpo dritto allo stomaco fino a togliere il respiro, il volto tumefatto, le costole rotte, i polmoni che faticano a trasportare l’ossigeno ai fluidi corporei.

L'ufficiale e la spia

Il regista polacco premio Oscar Roman Polànski porta sul grande schermo un affare delicato, quello dell’affaire Dreyfus con il film J’accuse (L’ufficiale e la spia). THE NEW POPE – LEGGI LA RECENSIONE DELLA NUOVA SERIE TV Nel 1894, il capitano…

Piccole donne

Tratto dall’omonimo libro della scrittrice americana Louisa May Alcott (1854-1926), Piccole donne (in originale: Little Women or Meg, Jo, Beth and Amy) concentra in poco più di due ore le vicende della famiglia March, in una crasi narrativa che unisce il primo volume al suo seguito, noto come Piccole donne crescono.

Parasite

Parasite (Gisaengchung) è l’ultimo film di Bong Joon-ho, vincitore della Palma d’Oro al festival di Cannes 2019 e grande trionfatore agli Oscar 2020. Bong Joon-ho ci offre due ore dove non ci possiamo distrarre nemmeno un momento, e ci accorgiamo che la scalata verso l’alto è l’ennesima favola post-moderna che di colpo va in frantumi e non ci resta che raccoglierne gli avanzi.