Parità in pillole

Parità in pillole – Irene Facheris

Irene Facheris è nata a Milano nel 1989. Sul web è nota come Cimdrp, grazie al suo canale Youtube e alla rubrica Parità in pillole. Laureata in Psicologia, è formatrice, presidente dell’associazione Bossy, cantautrice, speaker all’ultimo TEDx Torino ed ha il dono di saper scrivere solo libri utilissimi ed attuali.

Già autrice di Creiamo cultura insieme. 10 cose da sapere prima di iniziare una discussione (TLON), a gennaio ci ha donato Parità in pillole. Impara a combattere le piccole e grandi discriminazioni quotidiane (Rizzoli). Le splendide illustrazioni sono tutte firmate da Chiara Meloni, notissima sul web come Chiaralascura di Belle di faccia

Il testo anche questa volta è abbinato ad una playlist su Spotify, dove non manca la canzone della citazione all’inizio del libro stesso, Rebel Girl .

Dato che «il primo passo per cambiare le cose è conoscerle», è chiaro come Parità in pillole non sia destinato solo a chi è già sensibile agli argomenti legati alla diversity e alla parità nel senso più ampio del termine; Irene Facheris lo dichiara subito, rivolgendosi direttamente al lettore, che certo non va  indottrinato ma che, a sua volta, dovrà fare uno sforzo ogni tanto per cercare «apertura mentale e sospensione del giudizio».

La recensione di Parità in pillole di Irene Facheris

I primi due capitoli sono necessari per comprendere tutto il discorso che si svolgerà in seguito nel libro e sono dedicati al concetto di privilegio e di sfera personale intesa come politica.

Con lucidità, forte dell’esperienza pluriennale del suo lavoro e del confronto quotidiano su questi temi, Irene Facheris inserisce anche tutte le domande che vengono poste come critica (ad esempio, dedica un intero capitolo alla storia del femminismo aprendolo con la domanda Serve ancora il femminismo?).

Ci sono tutti i temi di attualità, compreso il razzismo o l’abilismo. Molti argomenti fanno spesso capo a studi o movimenti in inglese e quindi vengono riportati con il termine originale (rape culture, victim blaming, body positivity…) e spiegati con estrema chiarezza dalla stessa Irene, che sa davvero andare sinteticamente al nocciolo di ogni questione senza però essere sbrigativa, didascalica o superficiale.

Parità in pillole è caldamente consigliato a chiunque e a qualsiasi età perché qui si affrontano tematiche fondamentali per il futuro della nostra cultura, con una limpidezza ed una capacità comunicativa veramente rare. Irene Facheris è una voce fresca e autorevole, una professionista e attivista davvero molto preparata che, ancora una volta, ci fornisce un abbecedario di base per un lessico comune su cui confrontarsi e soprattutto crescere insieme come società. Leggetelo!

I NERD SALVERANNO IL MONDO DI FULVIO GATTI – ECCO LA RECENSIONE

copertina
Autore
Irene Facheris
Casa editrice
Rizzoli
Anno
2020
Genere
saggistica
Formato
Brossura
Pagine
207
ISBN
9788817144469
SOSTIENI LA BOTTEGA

La Bottega di Hamlin è un magazine online libero e la cui fruizione è completamente gratuita. Tuttavia se vuoi dimostrare il tuo apprezzamento, incoraggiare la redazione e aiutarla con i costi di gestione (spese per l'hosting e lo sviluppo del sito, acquisto dei libri da recensire ecc.), puoi fare una donazione, anche micro. Grazie

Marta Lilliù

diMarta Lilliù

Sono nata ad Ancona nel 1985 e sono cresciuta ad Osimo. Sono laureata in Lettere (Università degli Studi di Macerata) con una tesi in Storia Moderna sulle Suppliche del XVIII sec. dell’Archivio Storico di Osimo. Sono diplomata in Pianoforte e in Clavicembalo (Conservatorio “G.Rossini” di Pesaro).
Dal 2012 abito e lavoro in Liguria, dove ho approfondito l’ambito della didattica musicale (abilitandomi all’insegnamento del Pianoforte presso il Conservatorio “N.Paganini” di Genova) e della didattica speciale, cioè rivolta al Sostegno didattico ad alunni con disabilità (Università degli Studi di Genova). Ho vissuto a Chiavari e Genova. Attualmente vivo a Sestri Levante, dove annualmente si svolgono il Riviera International Film Festival e il Festival Andersen.
Sono docente di Pianoforte a tempo indeterminato a Levanto, Monterosso e Deiva Marina.
Abbandono talvolta la Liguria per muovermi tra le Marche e Londra, città in cui ricopro ufficialmente il ruolo di...zia!