Ade Zeno

Ade Zeno – L’incanto del pesce luna

Ade Zeno torna in libreria ad inizio del 2020 con L’incanto del pesce luna, un romanzo in cui sono uniti elementi reali ed immaginari.

Un romanzo che vi porterà ad immergervi in un mondo affascinante e misterioso, incantato e crudele al tempo stesso.

La trama

Per mantenere in vita la figlia Inès, ammalata di un morbo misterioso che la costringe a letto in stato di incoscienza, Gonzalo è costretto a svolgere un lavoro segreto: procurare alla decrepita signora Marisòl ciò di cui si nutre voracemente una volta a settimana, esseri umani.

Assuefatto e rassegnato, Gonzalo comincia tuttavia a nutrire dubbi sulla propria natura e sulla natura di tutte le persone. Dove si nasconde davvero la mostruosità? È possibile trovarne un frammento in ognuno di noi?

Leggi ancheL.O.V.E., di Giancarlo Liviano D’arcangelo. La nostra recensione

L’incanto del pesce luna, di Ade Zeno – La recensione

Con L’incanto del pesce luna (Bollati Boringhieri) Ade Zeno dà vita a un universo parallelo che sembra familiare, ma in realtà è estraneo: accoglie e disorienta il lettore. L’ambientazione – una Torino mai nominata esplicitamente, in cui elementi reali e immaginari sono accostati – fa pensare ai territori post-esotici di Volodine, che infatti viene citato: «Qualcuno una volta ha detto che la stranezza è la forma che prende il bello quando il bello è disperato».

L’impressione è che Ade Zeno abbia voluto creare un mondo lunare: vicino, eppure distante, comune, eppure sovvertito. Sparsi, come indizi, i riferimenti a questa realtà spettrale: il racconto breve Di notte di Kafka, la musica di Klaus Nomi, che potrebbe essere il compositore ideale della colonna sonora del libro e che ne fa risaltare gli aspetti gotici e freak; Satie, altro artista eccentrico, incompreso, «lunare». C’è una componente pulp, ma non è mai esagerata: del pulp, a questo libro, manca il nichilismo.

Al contrario, emerge una voce sentimentale forte, a tratti fiabesca, animata dalle favole che il protagonista inventa e racconta, in cui risuonano echi del Piccolo principe. Anche la trama pare devota a questa doppia anima, cinica e sentimentale, avvincente e intima. L’incanto del pesce luna riesce a unire gli opposti in un amalgama visionaria; da leggere per immergersi qualche ora nell’atmosfera sovvertita di un mondo incantato e crudele.

Leggi ancheI baffi. La recensione del romanzo di Emmanuel Carrère

copertina
Autore
Ade Zeno
Casa editrice
Bollati Boringhieri
Anno
2020
Genere
Narrativa
Formato
Brossura
Pagine
192
ISBN
9788833932194
SOSTIENI LA BOTTEGA

La Bottega di Hamlin è un magazine online libero e la cui fruizione è completamente gratuita. Tuttavia se vuoi dimostrare il tuo apprezzamento, incoraggiare la redazione e aiutarla con i costi di gestione (spese per l'hosting e lo sviluppo del sito, acquisto dei libri da recensire ecc.), puoi fare una donazione, anche micro. Grazie

Silvia Valli

diSilvia Valli

La passione per i libri mi ha guidato nella scelta degli studi: liceo classico, triennale in Filosofia, specialistica in Editoria. Amo le scritture pulite e le trame intricate, le storie che mi rimangono in testa giorni dopo che ho finito di leggerle.