Silvia Avallone Acciaio

Silvia Avallone – Acciaio

Acciaio di Silvia Avallone è stato, nel momento della sua uscita, un vero caso editoriale. Un romanzo forte e graffiante, che lascia spazio alle emozioni e alla caratterizzazione dei personaggi.

«Cosa vuol dire crescere in un complesso di quattro casermoni, da cui piovono pezzi di balcone e di amianto, in un cortile dove i bambini giocano accanto a ragazzi che spacciano e vecchie che puzzano? Che genere di visione del mondo ti fai, in un posto dove è normale andare in vacanza, non andare al cinema, non sapere niente del mondo, non sfogliare il giornale, non leggere i libri, e va bene così? Loro due, in questo posto, si erano trovate e scelte».

SCOPRI IL NOSTRO SHOP. T-SHIRT, FELPE E TAZZE A TEMA LETTERARIO

La trama

Anna e Francesca hanno quasi quattordici anni e a Piombino, in via Stalingrado, negli stabili riservati agli operai, vivono la loro vita tra la dura realtà del posto e i sogni di un’età adulta che ha la forma troppo spicciola di corpi maschili e di bellezze e forme da mostrare per dominare il proprio “branco”.

Silvia Avallone pone sullo sfondo della vicenda la Lucchini, potente acciaieria attorno a cui ruota la quotidianità di Piombino. Non sembra per niente facile «regolare il tempo della tua esistenza con quello che impiega l’acciaio a fondere, solidificare, ricevere una forma».

Entrambe le ragazze devono fare i conti con famiglie che sono tutto meno che punto di riferimento, composte da padri padroni o totalmente assenti. Francesca e Anna “dipendono” così l’una dall’altra, creano un legame tanto solido quanto ambiguo, tanto istintivo quanto precario. La vita, i dolori, i primi amori giovanili, faranno allontanare le due ragazze, fino a che sulle vecchie ferite non rimarranno solo cicatrici e un finale, forse, già scritto.

Acciaio di Silvia Avallone – La recensione

In questo romanzo di Silvia Avallone l’ambiente esterno (Piombino, l’acciaieria, i casermoni degradati) sembra dare letteralmente forma ai personaggi, che non possono far altro che mettere da parte i propri sogni e sopravvivere. Così i genitori delle due ragazze non hanno la forza di lottare contro un destino ingrato, e Anna e Francesca si scelgono per non perdersi, annullandosi a vicenda e diventando quasi un’unica entità.

Non c’è una fuga da tutto questo, e l’approdo all’Isola d’Elba (così tanto sognata come paradiso, rifugio e cambiamento), avviene solamente nel finale, che mantiene pur sempre ben saldo un legame col passato e con la quotidianità.

Dalla prima all’ultima pagina seguiamo binari che la vita ha già scelto per tutti, andando oltre sentimenti, consapevolezze, punti di riferimento e vincoli più o meno forti. I sogni, le speranze, i cambiamenti, hanno la stessa temperatura dell’altoforno in lontananza; e come l’acciaio, spesso, si sciolgono.

copertina
Autore
Silvia Avallone
Casa editrice
Rizzoli
Anno
2015
Genere
Narrativa
Formato
Brossura
Pagine
357
ISBN
9788817081375
SOSTIENI LA BOTTEGA

La Bottega di Hamlin è un magazine online libero e la cui fruizione è completamente gratuita. Tuttavia se vuoi dimostrare il tuo apprezzamento, incoraggiare la redazione e aiutarla con i costi di gestione (spese per l'hosting e lo sviluppo del sito, acquisto dei libri da recensire ecc.), puoi fare una donazione, anche micro. Grazie

Donato Bevilacqua

diDonato Bevilacqua

Proprietario e Direttore editoriale de La Bottega di Hamlin, lettore per passione e per scelta. Dopo una Laurea in Comunicazione Multimediale e un Master in Progettazione ed Organizzazione di eventi culturali, negli ultimi anni ho collaborato con importanti società di informazione e promozione del territorio. Mi occupo di redazione, contenuti e progettazione per Enti, Associazioni ed Organizzazioni, e svolgo attività di Content Manager.