Teresa Ciabatti – Sembrava bellezza

Dopo il successo di La più amata (candidata al Premio Strega nel 2017), Teresa Ciabatti torna in libreria con Sembrava bellezza, altro romanzo potentissimo e inserito tra i 62 candidati allo Strega del 2021.

Teresa Ciabatti affronta ancora le tematiche della memoria, dello scorrere del tempo, del contrasto tra giovinezza ed età adulta. E lo fa costruendo una storia che si muove tra realtà e narrazione e che investe madri, figlie, amiche. Un romanzo soprattutto di donne.

SCOPRI IL NOSTRO SHOP ONLINE CON TANTI PRODOTTI A TEMA LETTERARIO

La trama

Chi ci apre la strada in questo romanzo è una donna, scrittrice, che dopo essersi sentita per molti anni ai margini ha trovato il successo. In questo tempo conosce il riscatto, anche se proprio quel tempo che cerca di tenersi stretto le sfugge via, proprio come sua figlia che si è trasferita lontano.

Tra risentimento e sgomento, ecco che dal passato torna Federica, la più cara amica del liceo. Insieme a Federica tornano quindi nel presente della scrittrice gli eventi dell’epoca e Livia, sorella di Federica e ragazza bellissima, irraggiungibile agli occhi delle ragazze sgraziate. In seguito ad un incidente, Livia è rimasta prigioniera di un’eterna giovinezza.

Ecco che proprio come accadeva da adolescenti, i pensieri si rispecchiano, si mescolano, si respingono. La protagonista inizia quindi a ripercorrere il passato in cerca di una risposta, di una verità su Livia e su se stessa, riavvolgendo nel frattempo i fili della sua storia, del suo lavoro, dei suoi amori e della sua famiglia.

Livia era un mistero, proprio come adesso. Fenomeno da baraccone o miracolo di bellezza preservata inconsapevolmente? Proprio la sorte di Livia sembra ricordarci cosa può succedere se la giovinezza si cristallizza in un presente immobile, come una diciottenne nel corpo di una cinquantenne, una farfalla incastrata nell’ambra.

Sembrava bellezza di Teresa Ciabatti – La recensione

Teresa Ciabatti, come sempre, trova nella letteratura lo strumento per mettere a nudo la sua storia e i suoi sentimenti. Sembrava bellezza (Mondadori) è un viaggio affascinante che nello stesso tempo è personale e generazionale, concreto ed interiore.

Il centro nevralgico di tutto è lo scorrere del tempo, la voglia di fermarlo per non perdere la gloria, il desiderio, lo sguardo sul futuro. Ma questa storia è anche impietosa, perché nel viaggio a ritroso alcune cose si perdono, si confondono.

Sembrava bellezza è un dialogo aperto con il lettore, una sorta di diario o di confessione intima e personale che mette in mostra ciò che, nel bene e nel male, tornando indietro coi ricordi si può comprendere: il perdono e la tenerezza, prima di tutto verso se stessi.

Teresa Ciabatti ancora una volta costruisce una storia fatta di tante piccole sfumature e di tanti piccoli rapporti, che legano in maniera indissolubile madri e figlie, amiche, amanti, familiari. Una storia potentissima di donne in lotta perenne, in cerca di pace, nel mezzo delle relazioni umane. Un libro a cavallo tra il reale e la fiction, tra il reportage e la narrazione.

Ed è proprio per questo che Sembrava bellezza è un libro che colpisce. Perché non ci risparmia nulla, perché mette in mostra la rabbia, la delusione, il dolore, la debolezza. Uno splendido tentativo di costruire una cronologia che diventi ponte tra passato e presente, tra amica e figlia, tra Livia e se stessa.

A metà strada tra l’adolescenza e la vita adulta, i pensieri di Teresa Ciabatti trovano un luogo in cui appoggiarsi, in cui indagare il senso di colpa, la punizione, l’espiazione che porta all’accettazione e alla comprensione: la fine di un bellissimo e profondissimo percorso dopo il quale si possono ricomporre i pezzi di un’esistenza intera.

copertina
Autore
Teresa Ciabatti
Casa editrice
Libri Mondadori
Anno
2021
Genere
Narrativa
Formato
Rilegato
Pagine
237
ISBN
9788804735243
SOSTIENI LA BOTTEGA

La Bottega di Hamlin è un magazine online libero e la cui fruizione è completamente gratuita. Tuttavia se vuoi dimostrare il tuo apprezzamento, incoraggiare la redazione e aiutarla con i costi di gestione (spese per l'hosting e lo sviluppo del sito, acquisto dei libri da recensire ecc.), puoi fare una donazione, anche micro. Grazie

diDonato Bevilacqua

Proprietario e Direttore editoriale de La Bottega di Hamlin, lettore per passione e per scelta. Dopo una Laurea in Comunicazione Multimediale e un Master in Progettazione ed Organizzazione di eventi culturali, negli ultimi anni ho collaborato con importanti società di informazione e promozione del territorio. Mi occupo di redazione, contenuti e progettazione per Enti, Associazioni ed Organizzazioni, e svolgo attività di Content Manager.