Il vecchio e il mare

Il vecchio e il mare – Ernest Hemingway

Il vecchio e il mare è l’ultima grande opera narrativa di Ernest Hemingway. Scritto nel 1951, questo racconto è stato poi pubblicato sulla rivista Life.

Nel 1953 Il vecchio e il mare vince il Premio Pulitzer, ed è la spinta decisiva che porterà Hemingway a vincere il Premio Nobel per la letteratura nel 1954.

Un racconto breve ma carico di simboli e significati, che è rimasto nella memoria e nella mente dei lettori come una delle opere più amate dello scrittore americano.

Leggi ancheErnest Hemingway. Dalle armi all’amore. La guerra come esperienza di formazione

La trama

Sono passati ben ottantaquattro giorni, e il vecchio Santiago non è riuscito ancora a portare a casa nulla. Nonostante questo trova la forza di riprendere il mare per una nuova battuta di pesca.

Quella a cui andrà incontro sarà un’esperienza che rinnoverà il suo apprendistato di pescatore, e che sarà il simbolo di una nuova iniziazione.

In mare darà la caccia ad un enorme pesce spada dei Caraibi, si troverà a dover lottare a mani nude contro gli squali che cercano di strappargli l’ambita preda, combatterà con tutto se stesso per non rimanere con le mani vuote, ma portando a casa il simbolo della vittoria.

Santiago per la prima volta può sconfiggere la maledizione, stabilendo una vera fratellanza con le forze della natura e trovando dentro di sé il segno e la presenza del coraggio: la giustificazione di tutta una vita.

Il vecchio e il mare. La recensione

Solo uno scrittore come Ernest Hemingway poteva concentrare in così poche pagine tanta bellezza e tanta forza simbolica. Il vecchio e il mare (Mondadori) mette in scena l’eterna sfida tra l’uomo e la natura, ma anche la lotta tra le due anime della stessa persona.

Il legame che ne scaturisce non è però sempre un conflitto negativo, ma una fusione indissolubile tra l’umano e il naturale, i cui elementi finiscono quasi per essere contemplati.

Niente come il mare è in grado di esaltare il coraggio dell’uomo, a volte smarrito, a volte nemmeno considerato. Santiago, nella sua lotta contro il Marlin, simboleggia l’uomo che sfida il proprio destino, che va incontro all’ignoto ed al pericolo per dimostrare qualcosa a se stesso più che agli altri.

Il vecchio e il mare è un moderno Moby Dick, in cui si delineano perfettamente i tratti essenziali della poetica di Hemingway, che abbandona la guerra per tuffarsi in acqua, lasciando comunque il suo protagonista immerso nella solitudine della battaglia.

Da un lato la morte e dall’altro la vita. Ritmo veloce e incalzante, un lessico essenziale, pulito, ridotto al minimo. Perché anche nella scrittura occorre trattenersi in questa lotta per la sopravvivenza, e perché anche il lettore possa considerarsi immerso in una sfida infinita.

Leggi anchePremio Campiello. Ecco la cinquina finalista

copertina
Autore
Ernest Hemingway
Casa editrice
Mondadori
Anno
2016
Genere
Narrativa
Formato
Tascabile
Pagine
140
ISBN
9788804667872
Donato Bevilacqua

diDonato Bevilacqua

Proprietario e Direttore editoriale de La Bottega di Hamlin, lettore per passione e per scelta. Dopo una Laurea in Comunicazione Multimediale e un Master in Progettazione ed Organizzazione di eventi culturali, negli ultimi anni ho collaborato con importanti società di informazione e promozione del territorio. Mi occupo di redazione, contenuti e progettazione per Enti, Associazioni ed Organizzazioni, e svolgo attività di Content Manager.