Annus Mirabilis

Annus Mirabilis: peste, viltà e coraggio umano

Annus Mirabilis di Geraldine Brooks è uno tra i romanzi che meglio hanno descritto la situazione sconcertante in cui l’uomo si trova a convivere con epidemie e pandemie.

Annus Mirabilis è un grandioso romanzo sulla natura umana: il racconto di come nell’emergenza, nella sospensione della normalità, vengano fuori i lati peggiori, ma anche quelli migliori, delle persone.

Leggi ancheLetteratura e virus. Come i libri hanno raccontato le epidemie

La trama

Annus MirabilisÈ una mattina del 1666 a Eyam, un piccolo e isolato villaggio di montagna del Derbyshire, in Inghilterra, e nel grazioso cottage in cui vive, Anna Frith, vedova a diciotto anni con due bambini, dopo aver riempito una brocca d’acqua fresca, raggiunge la stanza di George Viccars, un sarto girovago venuto qualche tempo fa a bussare alla sua porta in cerca d’un alloggio.

Anna entra nella stanzetta dal soffitto basso e per poco la brocca d’acqua non le cade di mano. Il volto giovane e bello della sera precedente è scomparso.

Gorge Viccars giace con la testa spinta di lato da un bubbone grande quanto un maialino appena nato, un rigonfiamento di carne lucida e pulsante. Così, nelle pagine di questo romanzo, la peste giunge a Eyam, in una mattina del 1666. Inaspettata e innocente eroina, Anna deve affrontare la morte nella sua famiglia, la disintegrazione della sua comunità e il pericolo di un amore illecito.

 

 

Annus Mirabilis. Il racconto di un’epoca

Tratto da una storia vera, e oggi più attuale che mai, Annus Mirabilis racconta di un piccolo villaggio inglese colpito dalla Peste, i cui abitanti prendono l’eroica decisione di isolarsi per non propagare la malattia.

L’Annus Horribilis della peste, però, è destinato a trasformarsi in un Annus Mirabilis, un anno di meraviglie…

Romanzo indimenticabile (Neri Pozza) che svela «la meraviglia del coraggio umano» (Library Journal), Annus Mirabilis è un’avvincente storia d’amore in cui dolore e gioia, perdita e resurrezione si alternano mirabilmente.

Geraldine Brooks ha raccontato un’intera epoca in un modo impeccabile, ed insieme è riuscita a descrivere l’animo umano e la sua natura, nella situazione unica ed irripetibile, che invece oggi sembra più vicina di quanto pensassimo.

Leggi ancheCinema e virus. Come i film hanno raccontato le epidemie