Io non ti lascio solo – Gianluca Antoni

Io non ti lascio solo di Gianluca Antoni (vincitore del torneo letterario IoScrittore) è un romanzo sospeso nel tempo e nello spazio, che si muove con leggerezza intorno ad una storia noir. Una storia narrata attraverso i diversi protagonisti principali che si muovono intorno al racconto: due bambini, la loro profonda amicizia, il maresciallo che, dopo anni, torna a indagare su un caso irrisolto che lo perseguita da una vita.

Filo e Rullo, amici per la pelle, partono di nascosto alla ricerca di Birillo, il cane che il padre di Filo ha perso andando a cercare tartufi. La loro amicizia è forte, solida, profonda e nulla può fermarli, nemmeno la paura, il buio e il burbero montanaro Guelfo Tabacci che individuano come responsabile della scomparsa del cane, ma dietro al quale si celano ben altre vicende. Filo e Rullo annotano sui loro diari ogni attimo, ogni sensazione, ogni emozione della loro avventura, ciascuno raccontando secondo il proprio punto di vista.

Dopo vent’anni, l’abbattimento di un muro della casa del Tabacci, porta al ritrovamento di quei diari, forse una nuova prova, forse ulteriori elementi importanti che consentiranno al maresciallo De Benedittis di tornare a indagare e finalmente far luce sul montanaro sul quale gravano i sospetti di responsabilità della scomparsa del figlio di due anni.

Ma non tutto è come sembra, la verità non è una sola, i colpi di scena si susseguono e il lettore viene coinvolto dal racconto che i muove leggero e piacevole, su una storia “da grandi” vissuta e interpretata da due ragazzini. Io non ti lascio solo ha vinto il Premio Romics 2017 come miglior romanzo di genere per «la capacità di raccontare una storia noir con lo sguardo fresco e innocente di due bambini e per lo spiazzante colpo di scena finale».

 

Casa editrice: Io Scrittore
Data di uscita: 2 luglio 2018
Genere: Narrativa
Pagine: 272
Isbn: 9788867201174

Steve Fortunato

diSteve Fortunato

Piemontese di origine e milanese d’adozione. Imprenditore da sempre, ha sfogato principalmente nel marketing e nella comunicazione la creatività e il desiderio di nuovi orizzonti e di nuove sfide. Razionale e impulsivo, istintivo e sensibile. Racconta vicende e persone con una visione nichilista e un linguaggio crudo, duro, scarno a volte, che però sa cedere a momenti delicati, di sottile nostalgia.