Dave Grohl, Josh Homme e Trent Reznor live ai Grammy

Domenica sera saranno assegnati i Grammy. Come se non bastassero i tanti nomi di peso tra i candidati, sul palco dello Staples Center di Los Angeles, il 26 gennaio sono previste anche le esibizioni di Daft Punk (con Stevie Wonder, Nile Rodgers e Pharrell Williams), Lorde, i Metallica (con il pianista-prodigio cinese Lang Lang), Paul McCartney, Ringo Starr, Kathy Perry e Robin Thicke – giusto per citarne qualcuno.

Ma evidentemente ancora non bastava, perché è di questi minuti la notizia che la serata (trasmessa in diretta tv dalla CBS) si chiuderà con il botto, con la performance di Dave Grohl, Nine Inch Nails, Queens of the Stone Age e Lindsey Buckingham dei Fleetwood Mac.

Il collante tra i componenti della superband è sicuramente Dave Grohl: la Buckingham, Josh Homme e Trent Reznor hanno collaborato già (seppur non tutti assieme) alla colonna sonora di Sound City, il primo film da regista del frontman dei Foo Fighters. Non è chiaro, però, cosa potrebbero fare tutti assieme sul palco, visto che Grohl e Homme, per esempio, hanno collaborato anche nel progetto Them Crooked Vultures (con John Paul Jones), mentre la Buckingham è apparsa anche sull’ultimo LP dei Nine Inch Nails, Hesitation marks.

Tra l’altro, tutti i musicisti coinvolti sono anche candidati ai Grammy in qualche categoria: Grohl con Cut me some slack, brano suonato assieme a Paul McCartney per Sound City (miglior canzone rock), i NIN con Hesitation marks (best alternative album), i Queens of the Stone Age con …Like clockwork (best rock album) e il brano My God is the sun (best performance), e la Buckingham con If I loved you, pezzo realizzato con Delta Rae, che è valso a Rob Cavallo la nomination come miglior produttore dell’album.

Insomma, non resta che attendere il 26 gennaio per gustarci la sorpresa. Che potrebbe suonare simile a Mantra: