Altered ocean mostra

“Altered Ocean” di Mandy Barker – Una mostra sull’inquinamento degli oceani a Bristol

Se capitate a Bristol presso la Royal Photographic Society non potete perdervi la potente Altered Ocean che punta i riflettori  sull’inquinamento plastico negli oceani del mondo, evidenziando gli effetti sulla vita marina e, una ulteriore consapevolezza su noi stessi. L’artista inglese Mandy Barker è un fotografo pluripremiato a livello internazionale che indaga la questione dei detriti di plastica marina.

SCOPRI LA NOSTRA SEZIONE “CONTAMINAZIONI”

Insieme con gli scienziati egli mira a sensibilizzare l’opinione pubblica sull’inquinamento da plastica negli oceani del mondo per evidenziare le ricerche in corso sugli effetti sulla vita marina e, in ultima analisi, su noi stessi. Il suo lavoro è stato esposto in tutto il mondo e pubblicato in oltre 40 paesi diversi.

Altered ocean mostra

La mostra, Altered Ocean, documenta il viaggio visivo di Barker come artista fotografico che combina la scienza con la questione dell’inquinamento plastico marino. Stampe in grande scala della sua serie: INDEFINITE, SOUP, SHOAL, Hong Kong Soup 1826, Penalty, e Beyond Drifting, forniscono una panoramica del suo viaggio e della sua connessione con il tema degli ultimi dieci anni. I quaderni di schizzi e le note di ricerca che troviamo nello spazio allestito sono di supporto e si collegano al rapporto intimo con la ricerca che Barker offre allo spettatore.

La questione che il fotografo inglese pone è sempre più attuale e ci invita a riflettere su come sta cambiando radicalmente il nostro pianeta e in modo particolare gli oceani colmi di plastica. Barker stimola e  coinvolge lo spettatore combinando estetica e consapevolezza puntando lo sguardo fin dentro i fondali degli oceani alterati.

4 Aprile -23 Giugno

www.rps.org/exhibitions-and-competitions

www.mandy-barker.com

Giorgio Cipolletta

diGiorgio Cipolletta

Artista e perfomer italiano, studioso di estetica dei nuovi media. Dopo una laurea in Editoria e comunicazione multimediale, nel 2012 ho conseguito un dottorato di ricerca in Teoria dell’Informazione e della Comunicazione. Attualmente sono professore a contratto per corso di Fotografia e nuove tecnologie visuali presso Unimc. La mia prima pubblicazione è una raccolta di poesie “L’ombra che resta dietro di noi”, per la quale ho ricevuto diversi riconoscimenti in Italia. Nel 2014 ho pubblicato il mio primo saggio Passages metrocorporei. Il corpo-dispositivo per un’estetica della transizione, eum, Macerata. Attualmente sono vicepresidente di CrASh e collaboro con diverse testate editoriali italiane e straniere. Amo leggere, cucinare e viaggiare in modo “indisiciplinato” e sempre alla ricerca del dono dell'ubiquità.