Milva

Milva: la pantera rossa continua a cantare

“Venuta su a patate e lenti” come la definisce Jannacci a indentificare la gioventù fatta di privazioni e balere, Milva fu chiamata la Pantera, per contrapporla all’aquila Iva Zanicchi e alla tigre Mina.

Le politiche discografiche commerciali hanno cercato di relegarla a canzonette come canticchiava mia mamma “Cos’è cos’è che fa andare la filanda è chiara la faccenda son quelle come me.”

SCOPRI IL NOSTRO SHOP ONLINE CON TANTI PRODOTTI A TEMA LETTERARIO

Gli inizi e il successo

Erano gli anni ’60 che la portarono dai fumosi locali di provincia ai palcoscenici nazionali, in cui regolarmente doveva partecipare a baracconi televisivi come  Sanremo, Cantagiro, Canzonissima dove altrettanto regolarmente affondava nelle ultime posizioni.

Ma Milva era figura popolare che piaceva, che non scalava le classifiche, che aveva un pubblico di gente comune il quale riconosceva la sua semplicità nell’esprimere il bel canto.

E proprio cantando, ma anche recitando sui palchi di Milano, Milva raggiunse livelli immensi presso un pubblico sofisticato, grazie a Strehler.

Milva: una grande artista

L’’Opera da Tre Soldi, la Scala, lo spettacolo dove Milva portò in scena le poesie di Alda Merini, Jannacci, Battiato immortalarono questa incredibile artista.

Nel 2010 aveva affidato a Facebook il suo addio alle scene, ma il suo social, il suo fans club sono rimasti attivissimi a manifestare il calore e l’affetto che la legava al suo pubblico.

“Mia bella rossa dammi l’allegria, del disco di dieci anni fa”….

SOSTIENI LA BOTTEGA

La Bottega di Hamlin è un magazine online libero e la cui fruizione è completamente gratuita. Tuttavia se vuoi dimostrare il tuo apprezzamento, incoraggiare la redazione e aiutarla con i costi di gestione (spese per l'hosting e lo sviluppo del sito, acquisto dei libri da recensire ecc.), puoi fare una donazione, anche micro. Grazie

Steve Fortunato

diSteve Fortunato

Piemontese di origine e milanese d’adozione. Imprenditore da sempre, ha sfogato principalmente nel marketing e nella comunicazione la creatività e il desiderio di nuovi orizzonti e di nuove sfide. Razionale e impulsivo, istintivo e sensibile. Racconta vicende e persone con una visione nichilista e un linguaggio crudo, duro, scarno a volte, che però sa cedere a momenti delicati, di sottile nostalgia.