Ozark

Ozark: soldi, droga e tanta adrenalina

La serie tv Ozark, trasmessa su Netflix a partire dal 2017, è stata certamente una delle più apprezzate in questi anni. Con un cast di livello ed un buonissimo impianto narrativo, la serie ha ottenuto importanti riconoscimenti.

Ozark è infatti stata candidata a 1 Golden Globe, 6 Emmy Awards, 1 Critics Choice Award, 5 SAG Awards, 2 Writers Guild Awards, 1 Directors Guild e 1 Producers Guild, portando a casa 2 Emmy e 1 SAG Awards.

Capitalismo intrecciato con difficili dinamiche familiari, droga e lotta per la sopravvivenza di una famiglia non più normale, sono gli ingredienti vincenti per le tre stagioni di successo. In attesa della quarta stagione.

LEGGI ANCHEPatrick Melrose. La nostra recensione

La trama

Marty Byrde (Jason Bateman) è un uomo d’affari ligio al dovere. La sua vita però viene stravolta nel momento in cui scopre che il suo socio d’affari si è messo nei guai collaborando con un cartello del narcotraffico messicano.

Marty riesce a non farsi uccidere dai criminali convincendoli che riuscirà a riciclare tantissimo denaro sporco. Per realizzare questa impresa dovrà trasferirsi con sua moglie Wendy (Laura Linney) e si suoi figli Charlotte (Sofia Hublitz) e Jonah (Skylar Gaertner) sul lago Ozark, in Missouri, per inserire i soldi sporchi negli affari locali.

La nuova vita si porta dietro i problemi della vecchia, e tutti i protagonisti lottano per la sopravvivenza e per la convivenza giorno dopo giorno. Nella nuova casa infatti le persone non sono così facili da manipolare e da truffare, anche perché è già presente una fitta rete criminale contro cui lottare o con la quale allearsi.

Ozark – La recensione

Ozark è una serie che funziona molto bene perché, come nelle migliori storie, una persona apparentemente normale vede sconvolta la propria vita, che da quel momento in poi non sarà più la stessa.

Marty in fondo è un uomo buono che si trova coinvolto in una storia troppo più grande di lui, che mette in pericolo tutta la sua famiglia. La scelta iniziale tra proseguire nella normalità o provare a regalare di più a se stesso e ai suoi cari, è fatta in buona fede, ma provocherà effetti catastrofici.

L’animo pacato e buono di Marty è sempre sullo sfondo, viene sempre provocato, attaccato da più parti, messo in pericolo. L’uomo cerca costantemente di placare gli animi, di trovare una soluzione agli ostacoli, di restare nel territorio della diplomazia e della contrattazione. Anche il gesto estremo di uccidere un uomo è involontario, lo annienta personalmente.

Il protagonista di Ozark è un insieme di tante cose in contrasto tra loro, ma che nella facciata fa innamorare dei suoi silenzi, dei suoi sguardi, dell’ostentata ingenuità quasi. Al contrario della moglie Wendy, che con il suo tradimento ha già minato la stabilità familiare. Per tutte e tre le stagioni la donna fa di testa sua, prende iniziativa, sbaglia ma anche intuisce cose nuove, guarda più in là del semplice salvarsi la vita.

In questa serie tv le figure femminili sono tutte donne forti, in cerca di indipendenza o già indipendenti. Donne giovani o mature in lotta con qualcosa o con qualcuno, con dei principi e dei valori potenti, giusti o sbagliati che siano. Wendy e i suoi legami familiari, l’avocato Helen Pierce che gestisce gli affari del boss, Darlene Snell e la difesa della sua terra, Ruth Langmore che cerca di allontanarsi dalla fama negativa della sua famiglia (interpretazione che gli è valsa il premio come Migliore Attrice non protagonista in una Serie Drammatica alla 71esima edizione dei Primetime Emmy Awards), Charlotte che cerca di emanciparsi

Tutti i personaggi di Ozark, insomma, seguono un percorso non tanto di crescita quanto di cambiamento, che come ogni cambiamento passa per il dolore, per la perdita, per il distacco da ciò che si era. Ogni colpo di scena in questa serie segna l’inizio di una fase nuova non solo nella vicenda ma anche in chiave più intima per ogni protagonista. E’ anche questo che, guardandola, non vedrete l’ora di andare avanti, di scoprire come va a finire.

La quarta stagione

Ideata da Bill Dubuque e Mark Williams, e distribuita da Netflix, Ozark è una produzione che ha riscosso un buon successo di pubblico e di critica. Dopo le 30 puntate che compongono le prime 3 stagioni, la storia della famiglia Byrde non è ancora finita.

In arrivo infatti sulla piattaforma streaming la quarta stagione, in uscita a novembre. La data precisa non è ancora stata resa nota, ma sappiamo che la maggior parte del cast è stato chiaramente riconfermato.

SOSTIENI LA BOTTEGA

La Bottega di Hamlin è un magazine online libero e la cui fruizione è completamente gratuita. Tuttavia se vuoi dimostrare il tuo apprezzamento, incoraggiare la redazione e aiutarla con i costi di gestione (spese per l'hosting e lo sviluppo del sito, acquisto dei libri da recensire ecc.), puoi fare una donazione, anche micro. Grazie

Donato Bevilacqua

diDonato Bevilacqua

Proprietario e Direttore editoriale de La Bottega di Hamlin, lettore per passione e per scelta. Dopo una Laurea in Comunicazione Multimediale e un Master in Progettazione ed Organizzazione di eventi culturali, negli ultimi anni ho collaborato con importanti società di informazione e promozione del territorio. Mi occupo di redazione, contenuti e progettazione per Enti, Associazioni ed Organizzazioni, e svolgo attività di Content Manager.