Jennifer Egan

Jennifer Egan – Il tempo è un bastardo

Quando Il tempo è un bastardo è uscito nel 2011, da subito abbiamo tutti capito che Jennifer Egan sarebbe stata una delle voci più importanti della letteratura americana.

Questo libro è costruito come una fantastica epopea che mette al centro l’umanità e le persone. Il tempo è un bastardo ha il fascino del passato ma la forza di guardare al futuro.

Leggi ancheTrent Dalton. La recensione di Ragazzo divora universo

La trama

In questa serie di racconti che compongono Il tempo è un bastardo (minimum fax) ci sono due protagonisti: Bennie Salazar e Sasha. Il primo è un ex musicista punk ed ora discografico, mentre la seconda è il suo braccio destro, donna di polso ma dal passato turbolento.

La cornice in cui si snodano le loro storie è San Francisco nella fine degli anni ’70 e la New York del prossimo futuro (ora quasi presente), in cui a governare le emozioni collettive sono i social network.

Intorno ai due protagonisti si formano le storie delle persone a loro vicine, delle loro famiglie e dei loro amici, tra matrimoni falliti, fughe adolescenziali e scommesse azzardate.

Il tempo è un bastardo. La recensione del romanzo di Jennifer Egan

Perché leggere Il tempo è un bastardo? Innanzitutto perché nessuno come Jennifer Egan è stata capace in questi ultimi anni di raccontare la degenerazione di un certo tipo di società, dello star system e del giornalismo.

Poi perché queste storie toccano temi pesanti ma attuali. Ci sono le droghe psichedeliche con le loro meraviglie percepite, c’è la provincia americana del presente ma soprattutto del prossimo futuro, ci sono i problemi quotidiani di famiglie normali.

Jennifer Egan ha saputo guardare oltre i classici stereotipi letterari, creando un vero e proprio romanzo-mondo che si apre a moltissime possibilità. Un libro che unisce realtà e prosa, esistenza e futuro incerto. Una storia tra le più amate degli ultimi anni.

copertina
Autore
Jennifer Egan
Casa editrice
Minimum Fax
Anno
2010
Genere
Narrativa
Formato
Brossura
Pagine
392
ISBN
978-880471734
SOSTIENI LA BOTTEGA

La Bottega di Hamlin è un magazine online libero e la cui fruizione è completamente gratuita. Tuttavia se vuoi dimostrare il tuo apprezzamento, incoraggiare la redazione e aiutarla con i costi di gestione (spese per l'hosting e lo sviluppo del sito, acquisto dei libri da recensire ecc.), puoi fare una donazione, anche micro. Grazie

Donato Bevilacqua

diDonato Bevilacqua

Proprietario e Direttore editoriale de La Bottega di Hamlin, lettore per passione e per scelta. Dopo una Laurea in Comunicazione Multimediale e un Master in Progettazione ed Organizzazione di eventi culturali, negli ultimi anni ho collaborato con importanti società di informazione e promozione del territorio. Mi occupo di redazione, contenuti e progettazione per Enti, Associazioni ed Organizzazioni, e svolgo attività di Content Manager.