Via col vento

Via col vento: arriva l’audiodocumentario

A oltre ottant’anni dalla sua prima pubblicazione, Via col vento è considerato un intramontabile classico, al punto che anche chi non ha mai avuto il piacere di approcciarsi al romanzo ricorderà, anche grazie all’omonima versione cinematografica, una manciata di battute ormai divenute celebri. Ma è anche un romanzo controverso, diventato di recente simbolo di un approccio storico razzista.

Via col vento è un affresco storico o la nostalgica visione di un mondo sublimato e mai realmente esistito? Quali sono i motivi della sua fama immediata, internazionale, imperitura? Qual è stata la sua influenza sulla moda femminile del tempo? Come ci si può confrontare il presente? E, più in generale, qual è il compito del presente nei confronti degli errori del passato? Un personaggio come l’eroina protagonista, Scarlett, può raccontare ancora qualcosa alle donne di oggi?

Un audiodocumentario dedicato a Via col vento

Via col ventoA queste e a molte altre domande cerca ora di trovare risposta Camilla Ronzullo, in arte Zelda was a writer, in Domani è un altro mondo, audiodocumentario prodotto da Storytel e disponibile sulla piattaforma di audiolibri e podcast a partire dal 3 agosto.

Il progetto, primo documentario in audio prodotto da Storytel, autoconclusivo, pensato e scritto appositamente per questo formato, segue e approfondisce la recente uscita, in esclusiva sempre su Storytel, dell’audiolibro di Via col vento nell’edizione integrale

Riedizione che punta non solo a ripristinare la versione originale del romanzo ma anche, e soprattutto, a rinnovare la precedente traduzione italiana del 1937, vittima dell’autarchia linguistica imposta dal fascismo. La nuova traduzione lascia dunque in originale i nomi di personaggi, istituzioni e toponimi, e introduce un radicale e importante cambiamento nella resa del modo di parlare degli schiavi. Per questo progetto che unisce analisi storica e politica, femminismo, lotta al razzismo e una quantità di questioni che portano il passato di fronte al tribunale del presente, sono state chiamate a supporto di un dibattito oggi quanto mai attuale nove donne portatrici di diverse professionalità, per nove aspetti di uno dei personaggi più controversi della letteratura mondiale. L’indagine attorno a Scarlett O’Hara si avvarrà dunque dei contributi di: Anna Della Rosa, attrice e lettrice di Via col vento per Storytel, Igiaba Scego, giornalista e scrittrice, Sandra Petrignani, scrittrice e giornalista, Laura Lepri, editor indipendente e direttore del Circolo dei Lettori di Milano, Annamaria Biavasco e Valentina Guani, traduttrici della nuova edizione di Via col vento per Neri Pozza, Mariarosa Mancuso, giornalista, critica cinematografica e autrice dell’introduzione alla nuova edizione di Neri Pozza, Sara Antonelli, professoressa di Lingue e letterature angloamericane presso l’Università Roma Tre e Rossella Migliaccio, consulente di immagine e fondatrice dell’Italian Image Institute di Milano.

Una storia indimenticabile

Questo racconto si chiama Domani è un altro mondo perché la Storia insegna che ci sono un sacco di domani nati a braccetto con mondi nuovi. A volte non i migliori possibili, spesso difficili persino da digerire. A noi il compito di comprenderli con la sensibilità del presente. Senza annullarli, e lasciando loro la più grande utilità della Memoria: quella di insegnarci a essere finalmente migliori.

Per supportare la lotta al razzismo Storytel, a nome del progetto Domani è un altro mondo, ha voluto effettuare una donazione a Diritti al Sud, associazione che in Puglia si occupa di sostegno e diritti dei migranti, integrazione tra italiani e stranieri e lotta al caporalato (https://www.dirittiasud.org/chi-siamo/).