William Goldman

William Goldman: in libreria Il maratoneta

Marcos y Marcos porta in libreria il romanzo Il maratoneta, di William Goldman. Il libro esce nella collana Gli alianti per la traduzione di Tilde Arcelli Riva.

Torna in libreria quindi uno dei romanzi più belli e tesi di William Goldman, Il maratoneta. Ecco un estratto del libro:In un thriller di solito si comincia dal cattivo (ovviamente non è una regola, non ci sono regole, ma è quel che ho fatto io…). Cominciai con Mengele, il più inquietante dei nazisti.

Il nome, Szell, lo presi dal grande direttore d’orchestra ungherese – solo pronunciare quel nome mi faceva sentire sadico.
Un dottore, un mostro, un nazista, ma volevo di più – e Dio benedica Melvin P. Klein, il dentista dove andavo da bambino che non credeva nella novocaina, perché un pomeriggio il mio cattivo diventò, improvvisamente e per sempre, un dentista. Ora avevo il mio criminale”.

William Goldman – Il maratoneta

Un nazista che passeggia per il distretto dei diamanti a New York, presidio ebraico: ecco la visione da cui è partito Goldman per scrivere questo romanzo e poi il film con Dustin Hoffman e Laurence Olivier.
Trovato il cattivo, il peggior cattivo immaginabile, ha messo in pista Babe, un ragazzo puro, che corre e studia Storia per i suoi ideali di libertà.

Il criminale nazista lo tortura, la donna amata fa il doppio gioco e persino suo fratello non è chi diceva di essere. Babe non sa nulla dei loro traffici loschi ed è fedele a se stesso. Alla violenza e alla doppiezza, oppone l’eroismo della resistenza.

L’autore

William Goldman è entrato nella leggenda come lo sceneggiatore più geniale della storia del cinema. Vincitore di due Oscar – per Tutti gli uomini del presidente e Butch Cassidy and the Sundance Kid – ha firmato altri film di culto come Papillon, Detective’s Story e Misery non deve morire e ha raddrizzato centinaia di sceneggiature altrui.

A Hollywood preferiva starci il meno possibile, però, e vivere invece a New York, dove lasciava spazio alla sua anima di narratore puro. Tra i suoi romanzi ci sono capolavori come La principessa sposa e Il maratoneta, entrambi trasformati, sempre grazie a lui, in pietre miliari del cinema. Il silenzio dei gondolieri è una vera perla nascosta, finora inedita, riscoperta grazie al traduttore, Dimitri Galli Rohl.

Goldman è morto a New York nel 2018, celebrato in tutto il mondo per l’inventiva straordinaria e l’elegantissima ironia.