Luis Sepúlveda

Luis Sepùlveda: le librerie lo ricordano il 4 maggio

Il prossimo 4 maggio, in tutta Italia, i librai ricorderanno Luis Sepùlveda, il grande scrittore cileno che ci ha lasciati lo scorso 16 aprile a causa del Coronavirus.

Saranno moltissime le iniziative in tutto il Paese, nei negozi aperti dopo il lockdown. In ogni libreria vetrine a tema, letture, fotografie, ricordi personali e firme sui libri grazie ad i social con l’hashtag #libreriepersepulveda.

Leggi ancheRacconti dal sud del mondo. Il nostro ricordo di Luis Sepùlveda

Un segnale nel giorno della riapertura delle librerie

In tutti quei locali in cui sarà possibile mantenere il distanziamento sociale di oltre un metro, anche i lettori saranno invitati ad unirsi al tributo collettivo dello scrittore che amava l’Italia.

I suoi libri sono stati buoni compagni di viaggio per molti lettori e lettrici, per intere generazioni che hanno imparato con lui come sia importante la lotta per la libertà e l’inseguire i sogni.

Un segnale importante di ripartenza per le librerie, molte delle quali hanno alzato le serrande già il 14 aprile scorso, mentre la maggior parte riapriranno il 4 maggio. La speranza è che “possano tornare a essere luoghi di connessione e di aggregazione culturale e sociale, e punti di riferimento per il territorio e per i lettori”.

Un contributo collettivo per ricordare Luis Sepùlveda

Questo omaggio a Luis Sepùlveda è partito in realtà da Torino, e più precisamente dalla manifestazione Portici di carta, inziziativa promossa dal Salone del Libro in collaborazione con COLTI, Consorzio Librerie Torinesi Indipendenti, Biblioteche civiche torinesi e Assemblea Teatro.

La proposta è arrivata così a tutti i librai d’Italia, con l’obiettivo di proporre un’iniziativa comune per il 4 maggio in ricordo dell’autore. Hanno già aderito tantissime librerie. Chi desidera partecipare può scrivere a: informazioni@porticidicarta.it.

Leggi ancheIngredienti per una vita di formidabili passioni. La recensione