L’Arte di Tolkien: itinerari tra vita ed opere

In libreria, per Alcatraz Edizioni, L’Arte di Tolkien di Roberta Tosi, un itinerario alla scoperta del grande scrittore tra vita ed opere.

Tra i molti ricordi che i figli di J.R.R. Tolkien avevano del padre, ce n’era uno in particolare che riguardava la sua scrivania. Tra pipe, libri e appunti spiccavano file di inchiostri colorati, il set di ceralacca e i tubetti di colore con nomi magici come Terra di Siena bruciata o Lago cremisi. Illustrazioni, disegni, decorazioni, mappe, topografia e calligrafia furono, difatti, parte fondamentale nel concepimento dei mondi leggendari del creatore della Terra di Mezzo.

Nonostante Tolkien non si considerasse un vero e proprio artista, è sorprendente la cura e la meticolosità cui l’autore dedicava alla propria attività pittorica, e, come dirà più tardi il figlio Christopher, è pressoché impossibile comprendere l’opera del padre senza guardare anche alla sua espressività artistica. Ancora oggi ci si può stupire di fronte alle sue pennellate giovanili che richiamano i cieli di Van Gogh, o sui suoi paesaggi astratti, con un colore à plat che trascende il suo tempo e già lo porta a incontrare il suo Legendarium. Perfino quando si dedica alla rappresentazione di un soggetto da lui amato, come il drago, non si sottrae al piacere di guardare alle maschere primitive come già avevano fatto Picasso e gli stessi Impressionisti, mostrando una straordinaria sensibilità nei confronti del fermento artistico contemporaneo o che lo aveva preceduto.

L’Arte di J.R.R. Tolkien, è un invito alla scoperta dell’infinita creatività del professore oxoniense, dall’infanzia e i primi esperimenti del Book of Ishness, passando per l’illustrazione delle opere che l’hanno reso famoso: Lo Hobbit, Il Signore degli Anelli e Il Silmarillion, arrivando alle cosiddette “opere minori”. Un itinerario tra colori, emozioni e visioni, per poter cogliere quello sguardo entusiasta nei confronti dell’universo artistico di uno degli scrittori di riferimento della letteratura mondiale, uno sguardo che ancora oggi conquista milioni di appassionati.

Roberta Tosi è critico d’arte e giornalista. È laureata in Estetica all’Università degli Studi di Verona. Ha collaborato con magazine e testate culturali locali e nazionali ed è curatrice di mostre. Da anni si dedica allo studio dell’opera di J.R.R. Tolkien, partecipando a convegni internazionali e tenendo seminari sul tema dell’arte nelle opere dell’autore inglese. Nel 2017 pubblica il suo primo romanzo fantasy Nicolas Kee e il Viaggiatore del Domòn (Delmiglio).