Leonard Cohen: «La mia vita on the road e un nuovo album»

Il 23 settembre arriverà nei negozi il suo ultimo album, Popular problems, ma Leonard Cohen proprio non ci sta a fermarsi. In un’intervista concessa a Luca Valtorta di Repubblica, il songwriter canadese, che il 21 settembre compirà 80 anni, ha rivelato di essere al lavoro su un nuovo disco, assieme al co-autore e produttore di Popular problems, Pat Leonard.

«Stiamo completando un nuovo album, inaudito per uno slow come me. Potrebbe chiamarsi Unpopular solutions», ha scherzato il musicista. Il sodalizio con Leonard – che in passato ha collaborato anche con Madonna e Elton John, oltre che con il figlio di Leonard, Adam, songwriter anche lui – sembrerebbe insomma destinato a produrre in tempi relativamente brevi un nuovo lavoro. A proposito di Popular problems, ecco cosa ha dichiarato Cohen: «Pat Leonard, uno che è abituato a lavorare con le star, e mio figlio, mi hanno aiutato a mettere dentro la giusta cornice queste canzoni. E oggi, a disco finito, provo un senso di gratitudine. Fare canzoni è sempre un processo misterioso, a volte lento, doloroso; in questo caso, immediato, torrenziale, gratificante».

La formula del disco, riconosce lo stesso musicista canadese, è quella di sempre, a base di blues, gospel e country. «Questa è la mia musica, non volevo reinventare niente né ho mai avuto paura delle vecchie canzoni», ha spiegato Cohen. «Oggi come allora ho la sensazione, mentre le canto, che tutti combattiamo le stesse battaglie e conduciamo le medesime vite mediocri”. Negli anni Duemila, Cohen, che tra il 1994 e il 1999 aveva vissuto in un monastero zen vicino Los Angeles, è ritornato a fare concerti in giro per il mondo. «All’inizio è stata una necessità a causa dei noti problemi finanziari», ha ammesso il songwriter, riferendosi alla frode della sua manager, che gli ha sottratto 5 milioni di dollari. «Poi ho scoperto che la vita on the road per la quale non mi sentivo più tagliato mi piace. E poi, cos’è la fatica? Posso dire che mi stanco a cantare quando c’è gente che muore di fame, scende in miniera o marcisce in prigione? Fare quel che non ci piace è faticoso. Nel mio caso lavare i piatti».

Il resto dell’intervista potete leggerla a questo link. La nostra recensione in anteprima di Popular problems la trovate qui; sotto, il video dell’ultimo singolo di Cohen, Almost like the blues: