Carlo Conti: «A Sanremo porto Pieraccioni e Panariello»

Mancano ancora parecchi mesi alla prossima edizione del Festival di Sanremo, ma Carlo Conti, futuro conduttore della kermesse, è già al lavoro. E, soprattutto, ha già in mente i nomi di alcuni ospiti: Giorgio Panariello e Leonardo Pieraccioni.

«Panariello e Pieraccioni? Ancora una volta? Io non vorrei portarli… Ma come si fa a non portare Panariello e Pieraccioni?», ha dichiarato Conti oggi, nel corso della conferenza stampa di presentazione della terza edizione di Tale e quale show, che da venerdì tornerà su Rai Uno in prima serata. Ovviamente, precisa Conti, «è presto per parlare del Festival, siamo solo alla prima fase», tuttavia, qualcosa si muove già. Entro la fine del mese, per esempio, «metteremo on line il nuovo regolamento. Poi arriveranno le canzoni, anche se qualcuno ci ha già fatto sentire qualcosa. L’ultima fase sarà quella della costruzione dello show».

La novità principale del 65esimo Festival di Sanremo sarà il ritorno alla formula per cui ciascun cantante in gara eseguirà una sola canzone: in questo modo, aggiunge Conti, «si potrebbero ospitare più cantanti. Stiamo lavorando tutti con grande tranquillità e largo anticipo. Ad esempio stiamo pensando già alla scenografia. La parte più difficile sarà la scelta dei brani. Vorrei rappresentare tutte le sfaccettature della canzone italiana».

Oltre alla musica, ci sarà anche ampio spazio alla comicità. Secondo Conti, i comici «sono fondamentali in ogni programma». Ecco perché si parla di Pieraccioni e Panariello; tuttavia, tra gli ospiti viene citata anche l’ipotesi Laura Pausini, che tuttavia Conti non conferma. «Qualcuno – conclude il conduttore – dice che mi rifaccio ai Sanremo di Baudo. In verità, la coppia Ravera-Baudo fu il vero spartiacque nella storia del Festival, perché aggiunse l’evento televisivo a quello musicale. Ogni Festival successivo è figlio di quella fusione e proprio dosare bene quel mix è la parte più difficile».