Boone, nuovi dettagli sull'adattamento di "The stand" di King

Torniamo a concentrarci su L’ombra dello scorpione di Stephen King, o, meglio, sulla sua trasposizione cinematografica, di cui si parla da un pezzo e che sta prendendo sempre più forma. Alla regia ci sarà Josh Boone (Colpa delle stelle), mentre la sceneggiatura porterà la firma di Stephen Gaghan, premio Oscar nel 2001 per Traffic. La pellicola s’intitolerà The stand – che poi è il titolo del romanzo in lingua originale – e, appunto, si baserà sull’opera di King, ambientata in un mondo post-apocalittico e scritta nel ’78.

In un’intervista rilasciata a Collider (e che qui potete leggere in versione integrale), Boone ha confessato la soddisfazione di King per la sceneggiatura e che, probabilmente, era la prima volta che lo scrittore si dimostrava entusiasta per uno script basato su uno dei suoi libri. A quanto pare, si tratterà di una storia molto fedele a quella del romanzo: Boone ha espresso la sua ammirazione per l’autore, lodando la sua «scrittura cinematografica», capace di fornire una ricchezza di materiale impressionante su cui lavorare, senza la necessità di aggiungere o modificare troppi dettagli, se non per scopi strettamente cinematografici (tipo, condensare un libro di mille pagine nei canonici tempi filmici). Il risultato finale sarà un film di circa tre ore.

Naturalmente, la domanda principale riguarda l’inizio delle riprese e se è già prevista una data d’uscita. Boone non ha fornito risposte nette a riguardo, evidenziando che per trasporre un romanzo così lungo e complesso potrebbero essere necessari dai sei agli otto mesi. Probabilmente, il regista inizierà a girare il film la prossima primavera, ma anche su questo punto rimangono dei dubbi, poiché Boone è ancora in fase di trattative per i finanziamenti e per gli attori coinvolti nel progetto (è stato fatto il nome di Matthew McConaughey).

Fino ad oggi L’ombra dello scorpione è stata una delle pochissime opere di King a non essere stata ancora adattata al cinema, sebbene anni fa, l’autore avesse approvato un progetto cinematografico di George Romero, in seguito abbandonato. Nel ’94, era stata però realizzata una miniserie televisiva, in quattro puntate. Su ammissione dello stesso King, pare proprio che L’ombra dello scorpione, insieme a It, sia stato il suo romanzo più apprezzato dai lettori: non resta che attendere ulteriori news sull’adattamento, sulle quali vi terremo senza dubbio aggiornati.