«Kanye West conserva i Grammy nel cassetto dei calzini»

Diciamo la verità, i premi hanno una duplice funzione: confermare il talento di qualcuno e stimolarne l’ego. Per questo, di solito vengono tenuti in bella mostra, magari sulla proverbiale mensola del caminetto, o in spazi ricavati ad hoc, per suscitare l’ammirazione degli ospiti. A quanto pare, il ragionamento vale per tutti meno che per Kanye West.

Secondo la moglie, Kim Kardashian, il musicista americano non è proprio il tipo da ostentare i suoi riconoscimenti, anzi. Sapete dove tiene i suoi 21 Grammy? In un cassetto dei calzini, nel locale lavanderia. «Kanye non crede sia importante esporre i Grammy e cose del genere”, ha spiegato la signora West in un’intervista a BBC Radio 1. «Li tiene letteralmente nel locale lavanderia, sparsi a casaccio. In un cassetto insieme ai calzini e tutti intorno. Io allora li ho raccolti, così posso proporgli di tenerli in uno dei nostri uffici o da qualche altra parte».

Del resto, Kanye West non ha mai mostrato una particolare passione per i Grammy. In passato, non ha lesinato attacchi ai premi: l’anno scorso, ad esempio, durante un concerto, chiese al pubblico «Ricordatemi ancora una volta perché i Grammy possono succhiarmi il cazzo?». A West non era andato giù, tra le altre cose, il fatto che il suo ultimo album, Yeezus, avesse ottenuto due sole nomination (alla fine non portò a casa neppure un premio).

Attualmente West è al lavoro sul suo nuovo album, di cui si è ascoltato un (piccolo) frammento proprio durante l’ultima puntata del reality show della moglie, Keeping up with the Kardashians. Non è chiaro quando l’album uscirà: «Non riesco mai a decidermi. Dovrei pubblicarlo a settembre o ad ottobre? O a novembre? Quando Beyoncé lavorava al suo ultimo disco, ci ha messo un po’ prima di pubblicarlo [a fine 2013 e a sorpresa, n.d.r.]. All’inizio pensavo che potrei pubblicarlo a giugno, come Yeezus. Ma poi mi dico che devo lavorare con la Adidas e stare insieme ai miei figli».

Ecco Kanye West e Kim Kardashian nel video di Bound 2, tratto da Yeezus: