Unlocking the Truth: quarant'anni in tre, firmano con Sony

Come nel calcio, anche nella musica da qualche anno le major vanno alla ricerca di talenti tra i più giovani, contendendoseli con contratti milionari.

L’ultimo caso è quello degli Unlocking the Truth, un trio metal che assieme non raggiunge neanche i quarant’anni e che è stato messo sotto contratto dalla Sony per la cifra record di 1,7 milioni di dollari. I tre sono il chitarrista Malcolm Brickhouse, il bassista Alec Atkins, entrambi tredicenni, e il batterista dodicenne Jarad Dawkins, i quali hanno stretto un accordo con la società giapponese per due album, con un’opzione per altri quattro.

A causa della giovane età del trio, è dovuta intervenire per motivi legali la Corte Suprema di Manhattan per approvare il contratto. Il guadagno per i ragazzi? 60mila dollari per il master del primo album e fino a 350mila per il secondo. In più, ovviamente, le royalty sulle vendite del 16-17%, ma solo se i dischi superano le 250mila copie.

Gli Unlocking the Truth sono stati scoperti da Steve Jordan, batterista di Eric Clapton, durante una loro performance al Washington Square Park, due anni fa. Da allora, i tre hanno girato gli USA in tour e aperto anche i concerti a Las Vegas dei Guns N’Roses, per non parlare della performance all’ultimo Coachella. La prossima settimana, gli Unlocking the Truth saliranno sul palco come opener dei Queens of the Stone Age.

Secondo il manager dell band, Alan Sacks, l’ingaggio di tre ragazzini tredicenni e di colore da parte della Sony contribuirà a ridefinire l’estetica e la percezione della musica metal. Anche la madre di Dawkins, ovviamente, sprizza entusiasmo, anche se precisa: «La scuola è al primo posto. Se non fanno i compiti, non suonano».

E che gli Unlocking the Truth siano la nuova gallina dalle uova d’oro, dopo anni di cloni formato mignon di Justin Bieber, Taylor Swift e Beyoncé, lo dimostra anche l’accordo con la prestigiosa casa editrice britannica Penguin per un libro e il progetto di realizzare un documentario sulla loro ascesa.

Nell’attesa di capire se sia tutta una bolla o ci sia effettivamente anche sostanza, ecco un paio di video degli Unlocking the Truth dal vivo, al Coachella di quest’anno e, l’anno scorso, all’Afropunk Festival.