Mondiali, Mick Jagger «Il più grande iettatore della storia»?

Mick Jagger non ci sta a passare per menagramo. Dopo una serie di pronostici sbagliati sulle partite del Mondiale (aveva dato per vincenti pubblicamente Italia, Inghilterra e Portogallo), la goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata la presenza, martedì scorso, allo stadio Mineirao di Belo Orizzonte, dove Mick ha visto colare a picco il Brasile (7-1 contro la Germania).

I social e i media si sono scatenati nell’ironizzare sulle facoltà divinatorie di Jagger (la tv brasiliana R7 l’ha definito “il più grande iettatore della storia”, altri “l’Angelo della Morte”). Il cantante dei Rolling Stones, però, ora cerca di scrollarsi di dosso la cattiva fama con un po’ di ironia. «Ok, mi prendo la responsabilità del primo gol della Germania… ma non degli altri 6!», ha dichiarato. Insomma, magari non avrò portato fortuna, è sembrato voler dire Jagger, ma certo una sconfitta del genere va oltre la iella.

E pensare che, prima di questi Mondiali, il frontman dei Rolling Stones aveva fama di azzeccare i pronostici. Nel 1982 aveva previsto la vittoria dell’Italia contro la Germania per 3-1, partita che ci perimse di vincere il titolo mondiale. Nel 2006, gli Stones suonarono a Milano due giorni dopo la conquista di un altro mondiale. Ora, per riscattarsi, Jagger dovrà aspettare il torneno del 2018 in Russia…