Lollapalooza, festival "cash free" grazie a un braccialetto

Nei giorni in cui in Italia si discute del contestatissimo provvedimento che obbligherà (più o meno…) i negozianti e i professionisti ad adottare il pos per i pagamenti con carta di credito, dagli USA arriva una notizia che fa capire quanto il nostro paese sia indietro sulla questione dell’uso dei contanti. Il Lollapalooza, il festival musicale in programma dall’1 al 3 agosto a Chicago, ha infatti annunciato l’adozione di un braccialetto, che, grazie ad una speciale tecnologia, permetterà agli spettatori di pagare cibi e bevande senza l’uso di moneta “fisica”.

L’iniziativa è stata ribattezzata “Lolla Cashless”, ed ha alle spalle altre esperienze simili – tipo quelle di festival europei come lo Sziget (che fornisce una card speciale), o dei connazionali Coachella, Bonnaroo e South by Southwest, che hanno adoperato la stessa tecnologia basata sull’identificazione tramite frequenze radio (RFID) per prevenire le truffe sui biglietti o organizzare contest con gli sponsor. Il braccialetto, che sarà fornito agli spettatori del Lollapalooza gratis, permetterà agli utenti di inserire tutte le informazioni di pagamento tramite una registrazione online, a seguito della quale sarà rilasciato un PIN: attivato il dispositivo, i gestori dei punti vendita in cui verranno fatti gli acquisti potranno leggere i dati tramite un pad. La somma di denaro sarà automaticamente addebitata sul conto corrente. Insomma, davvero cose dell’altro mondo…

Il Lollapalooza è stato ideato e fondato da Perry Farrell, frontman dei Jane’s Addiction, nel 1991. Si svolgerà allo Union Park di Chicago dal 1° al 3 agosto. La ricchissima lineup comprende OutKast, Eminem, Kings of Leon, Skrillex, Arctic Monkeys, Lorde, Broken Bells, Spoon, Interpol, Lykke Li, Chance the Rapper, Cut Copy, Chvrches, Jenny Lewis, Blood Orange, Warpaint, Chromeo e tanti altri. Date un’occhiata al cartellone qui.