David Lynch a "Che tempo che fa": il video dell'intervista

Come vi avevamo anticipato, ieri sera David Lynch è stato ospite della trasmissione di Rai 3 Che tempo che fa. Il regista ha raccontato a Fabio Fazio e a Carlo Verdone (altro ospite della serata, che ha brevemente affiancato il conduttore per qualche domanda al collega) della sua passione per l’arte di Magritte (e per il suo quadro L’assassino minacciato), delle radici profonde della sua ispirazione, del suo senso peculiare della bellezza («la bellezza è dappertutto»).

Lynch non ha voluto dire quale sia, tra i suoi film, il suo preferito («sono come bambini, è difficile dire a quale vuoi più bene»), ma ha espresso la sua profonda ammirazione per Kubrick e si è lanciato in un appassionato sua ammirazione per Federico Fellini, considerato un maestro: «Non ci sarà mai nessuno che sarà come lui. Voi italiani avete un tesoro, un tesoro reale. Federico Fellini è un tesoro, uno dei più grandi cineasti nella storia del cinema».

La seconda metà della chiacchierata ha toccato il motivo per cui Lynch è in questi giorni a Milano, ovvero la meditazione trascendentale. Il regista la pratica dagli anni ’70 e questo pomeriggio sarà al Teatro Dal Verme di Milano ospite della conferenza provinciale “Scuola senza stress – Il momento di quiete in classe”, che ha come obbiettivo quello di proporre un programma educativo fondato sulla meditazione, da praticare all’inizio e alla fine delle lezioni. Per spiegarla, Lynch ha anche fatto ricorso ad un grafico un po’ pasticciato, che vi avevamo proposto anche sulla nostra pagina Facebook:

L’intervista è stata piuttosto deludente per quelli che si aspettavano rivelazioni sul segreto del cinema visionario di Lynch o qualche anticipazione sui prossimi progetti («Top secret» ha risposto a domanda il regista, che non fa un film da otto anni, da INLAND EMPIRE), ma vale comunque la pena di rivederla. Se non altro perché l’impressione è che per rivedere Lynch in prima serata, in tv, dovremmo aspettare davvero molto a lungo:

Ecco altre due scatti della serata (foto di Anna Tinti):

SOSTIENI LA BOTTEGA

La Bottega di Hamlin è un magazine online libero e la cui fruizione è completamente gratuita. Tuttavia se vuoi dimostrare il tuo apprezzamento, incoraggiare la redazione e aiutarla con i costi di gestione (spese per l'hosting e lo sviluppo del sito, acquisto dei libri da recensire ecc.), puoi fare una donazione, anche micro. Grazie