Graham Greene

Graham Greene: esce Il fattore umano

In libreria da qualche settimana per Sellerio c’è Graham Greene con Il fattore umano. Una storia di lealtà e tradimento, di conflitto tra morale pubblica e privata. Uno dei grandi classici di Graham Greene, il romanzo più celebrato tra le sue storie ispirate al mondo dello spionaggio.

Scrive Enrico Deaglio, nella sua Nota, che Graham Greene ha inventato il genere della spy story, offrendo «una nuova definizione dell’“eroe occidentale”». Della spy story, quindi,  Il fattore umano è un prototipo, ma arriva ben al di là del genere. Immersi nella trama che avvince alla voglia di sapere come va a finire, si stagliano più temi. Il ritratto commovente di un uomo che fa dell’amore per una donna la chiave della giustizia più universale; la descrizione di ambienti, luoghi e giornate che vanno dalle cacce dell’aristocrazia ai tinelli piccolo borghesi; la rappresentazione di una  upper classeducata e feroce; la critica dell’imperialismo predatorio dalla faccia cortese; l’illustrazione dei dilemmi inestricabili che pone la storia. Ma soprattutto, è un romanzo morale, alla Greene, che indaga «la ricerca della verità attraverso le slealtà» (Domenico Scarpa).

Graham Greene – Il fattore umano

Graham GreeneC’è una «falla», nella Sezione 6 che dirige gli affari dei Servizi segreti britannici in Africa, una fuga di informazioni. Dentro le stanze della sezione interessata, un giorno dopo l’altro, Maurice Castle, il responsabile, e il suo sottoposto Arthur Davis sono uniti da una tiepida quotidianità nella routine del lavoro. Ogni tanto una birra al pub. Il più giovane, Davis, scalpita, vorrebbe una missione sul campo. A Castle, la vita va bene così, odia le scosse, ama l’anonimato anzi lo coltiva, chiede solo di potere ritornare a casa la sera, dalla moglie e dal figlio.

Di sé rivela poco o nulla, sistematicamente; quando qualcuno lo stuzzica sulle noie del matrimonio, replica che lui ama la sua donna e il bambino, ma alle spalle ha una carriera avventurosa. Ha servito in Sudafrica e da lì è riuscito, in violazione dell’apartheid, valendosi dei «terroristi» neri, a portare con sé la giovane Sarah, la bantu di cui è innamorato inseguita dagli agenti del regime, e il figlio di lei Sam. Mentre i due agenti si punzecchiano nel torpore burocratico degli uffici di Sua Maestà, i vertici dell’MI6 scatenano l’indagine sulla talpa. Una caccia condotta con astuzia perversa e cinismo, perché la posta è più grande di quanto emerga, che condurrà a conseguenze atroci. E inizierà l’impresa disperata, la solitaria e strana battaglia ideale in cui Maurice Castle innesterà il fattore umano.

 

L’autore

Di Graham Greene (1904-1991), scrittore, giornalista, autore di reportage di viaggio, ma anche agente segreto di Sua Maestà Britannica, Sellerio ha già pubblicato Il console onorario (2019) e Il treno per Istanbul (2019) e sono in via di pubblicazione: Il fattore umanoUna pistola in venditaIl nocciolo della questioneIl terzo uomoL’americano tranquilloLa roccia di BrightonFine di una storiaIl potere e la gloria.