cinema italiano

Il cinema italiano riparte: obiettivo fine giugno

Il cinema italiano vuole ripartire, e si pone come obiettivo fine giugno. Le associazioni delle imprese dell’audiovisivo e gli altri sindacati hanno firmato un protocollo sanitario per la ripresa delle produzioni cinematografiche e audiovisive.

Il documento è stato firmato da Anica (industrie cinematografiche), Apa (produttori audiovisivi), Ape (produttori esecutivi), Lara (agenti e artisti). Dopo un mese di lavoro è stato prodotto un documento che ora sarà sottoposto alle istituzioni per provare a ripartire entro fine giugno.

Leggi ancheZero Zero Zero. La recensione della serie tv di Sollima

Il documento del cinema italiano per la ripartenza

Una sorta di manifesto della sicurezza, che contiene comportamenti, procedure, responsabilità e strumenti che il mondo del cinema italiano dovrà adottare per impedire il diffondersi del Covid-19, in particolare sui set cinematografici.

Un manifesto frutto delle conoscenze scientifiche ma anche del buon senso di tutte le parti in causa, pronte a garantire il massimo della sicurezza sul lavoro. D’altronde il mondo del cinema aveva già dato prova di unità a marzo, quando si era deciso di interrompere le riprese ed i lanci dei nuovi film.

I firmatari del documento

Tra coloro che hanno firmato il nuovo documento ci sono cariche importanti del mondo del cinema, tra cui: Francesco Rutelli (Anica), Giancarlo Leone (Apa), Marco Valerio Pugini (Ape), Gianluca Curti (Cna Cinema e Audiovisivo), Corrado Azzollini (Confartigianato Cineaudiovisivo).

Ed ancora Umberto Carretti (Slc-Cgil), Fabio Benigni (Fistel-Cisl), Giovanni Di Cola (Uilcom-Uil), Delegazione troupe commissione sicurezza Slc-Cgil, Delegazione attrici-attori Sai-Slc-Cgil, Stefano Sardo (100Autori), Agi Spettacolo, Claudia Pampinella (Doc/it), Moira Mazzantini (Lara).

Leggi ancheThe Alienist. La recensione della serie tv Netflix