Leonardo DiCaprio

Il documentario sugli Oasis nei cinema italiani

Il documentario sugli Oasis arriverà anche nei cinema Italiani. La Lucky Red ha acquistato i diritti per la distribuzione della pellicola, diretta da Mat Whitecross e prodotta da Asif Kapadia, regista del biopic su Amy Winehouse.
Il progetto è attualmente in fase di produzione, e alla sua realizzazione parteciperanno anche NoelLiam Gallagher. Le parole del managing director Andrew Orr: “Gli Oasis sono senza dubbio una delle band principali del rock britannico, capaci di vendere 70 milioni di album venduti nel mondo e di definire il suono di un’epoca. Il loro cuore sono Liam e Noel Gallagher, due delle più raffinate rock and roll star mai nate in Inghilterra. La sensibilità di Mat e il suo stile saranno perfetto per raccontare la storia deal nascita di due delle più grandi band inglesi”.
A curare la produzione del documentario sarà Amy James Gay Rees, già produttrice di Amy. Il film sugli Oasis rappresenterà dunque la prima vera “reunion” ufficiale dei fratelli Gallagher dai tempi dell’ormai storico concerto al Rock en Seine, a Parigi, quando Noel e Liam litigarono ponendo di fatto fine alla storia della band inglese.

In questi mesi sono state molte le voci di un ritorno sui palchi; di recente (provocatoriamente) Noel Gallagher ha dichiarato che riformerebbe gli Oasis “solo per soldi”. Sicuramente le offerte da parte di etichette e promoter non sono mancate, ma per il momento non se n’è fatto ancora nulla (l’anno scorso, però, per un attimo era sembrato possibile).
Il documentario di Whitecross e Kapadia, quindi, potrebbe essere l’occasione giusta per un riavvicinamento che porti i due fratelli-coltelli a suonare di nuovo insieme.
 

SOSTIENI LA BOTTEGA

La Bottega di Hamlin è un magazine online libero e la cui fruizione è completamente gratuita. Tuttavia se vuoi dimostrare il tuo apprezzamento, incoraggiare la redazione e aiutarla con i costi di gestione (spese per l'hosting e lo sviluppo del sito, acquisto dei libri da recensire ecc.), puoi fare una donazione, anche micro. Grazie