"The good nurse": nuovo film in arrivo per Aronofsky

Nonostante le migliori intenzioni di Darren Aronofsky (trattare tramite l’elemento biblico il tema dello sfruttamento umano della Terra e la conseguente rivolta della Natura) Noah non è stato generalmente all’altezza delle aspettative, sia da un punto di vista di incassi sia per quanto riguarda la critica (a noi, per la verità, non è così dispiaciuto, qui la recensione).

Comunque, Aronofsky non si è perso d’animo e pare che per il futuro ci sia per lui in programma The good nurse, tratto dal libro di Charles Graeber ed incentrato sulla vera storia di un infermiere serial killer, Charles Edmund Cullen, sospettato di essere il più prolifico omicida nella storia degli Stati Uniti (si parla addirittura di 400 vittime).

L’infanzia di Cullen non è stata per niente facile, tanto che da bambino tentò per la prima volta il suicidio a 9 anni (seguirono numerosi altri tentativi di togliersi la vita). Nel ’77 la madre morì in un incidente stradale e, dopo il fatto, le condizioni mentali di Cullen peggiorarono sensibilmente: si arruolò in marina, ma venne congedato definitivamente nell’84 a causa dei suoi problemi psichici. In seguito, per ben 16 anni Cullen prestò servizio come infermiere, compiendo indisturbato i suoi crimini finché non venne fermato da due detective.

Il coinvolgimento effettivo di Aronofsky nel progetto non è ancora ufficiale. Non resta che attendere, anche se dopo pellicole come Il cigno nero e Requiem for a dream, Aronofsky sarebbe perfetto alla regia di una storia del genere.