Bob Dylan, un (costoso) volume raccoglie tutti i testi

Tutti i testi scritti da Bob Dylan in oltre 50 anni di carriera sono stati raccolti all’interno di un unico volume, The lyrics: since 1962, curato dal critico letterario britannico Christopher Ricks (già autore di Dylan’s visions of sin) e in arrivo il libreria per Simon & Schuster.

Non si tratta della solita raccolta di testi del “menetrello di Duluth”: il tomo (960 pagine) per ogni testo riporta anche tutte le varianti, introdotte spesso da Dylan durante i suoi concerti. Per esempio, Tombstone blues nella versione contenuta su Highway 61 comincia con il verso «Well John the Baptist, after torturing a thief», mentre in The bootleg series vol. 7 parte con «Ah, John the blacksmith, he’s torturing a thief».

Ovvio che un volume così dettagliato non costi poco: The lyrics: since 1962 sarà stampato in sole 3500 copie (3000 per gli USA, 500 per l’Inghilterra) e venduto a novembre al prezzo di 200 dollari. Del libro sarà disponibile anche un’edizione speciale, limitata a sole 50 copie, autografata da Dylan: qui il prezzo di copertina lievita sino a 5000 dollari.

Sempre a novembre, il 4, arriverà nei negozi The basement tapes complete, undicesimo capitolo delle “Bootleg series”, l’operazione che, dal 1990, porta a galla i tesori sepolti della discografia di Dylan. Nel box troveranno posto tutte le 138 tracce incise da Dylan con la Band durante le “Basement session” nel settembre del 1967.

Dylan, inoltre, è stato nominato “Person of the Year” dall’associazione benefica MusiCares, che si occupa di aiutare i musicisti in difficoltà. Il prossimo 6 febbraio, il songwriter, all’interno dell’annuale gala dei Grammy, sarà omaggiato con un concerto-tributo al quale parteciperanno, tra gli altri, Beck, Black Keys, Crosby, Stills & Nash, Norah Jones, Tom Jones, John Mellencamp, Willie Nelson, Bonnie Raitt, Eddie Vedder, Jack White e Neil Young.