Hakan Östlundh, il giallo sull’isola di Ingmar Bergman

Chi di voi conosce la piccola isola di Fårö? Forse gli ammiratori di Ingmar Bergman, dal momento che lì passò gli ultimi anni della sua vita. Ma noi oggi ve ne parliamo in relazione a un libro, pubblicato da FaziL’intrusa. Un nuovo omicidio sull’isola di Gotland di Hakan Östlundh.

La famiglia Kjellander torna all’isola di Fårö, dopo aver trascorso alcune settimane di vacanza a Stoccolma. I coniugi Kjellander avevano affittato la loro villa durante l’estate ma, al loro ritorno, scoprono una spiacevole sorpresa nella loro casa. Entra così in scena Fredrik Broman, che viene incaricato di svolgere le indagini. Se in un primo momento i sospetti sono esterni alla famiglia, con il passare del tempo il cerchio si stringe intorno ad essa, fino a svelare un movente passionale.

L’autore del libro è nato a Uppsala nel ’62, ma vive a Stoccolma. Ex studente di Letterature comparate e Filosofia all’università, negli anni dello studio si è impegnato attivamente in favore dei lavoratori e dei loro diritti. Giornalista per «Dagens Nyheter», dagli anni Novanta è anche sceneggiatore per la tv. 

Come in uno specchio di Bergman venne girato proprio sull’isola di Fårö