Philip Seymour Hoffman, nuovi particolari sulla morte

Non si è ancora placato lo shock per la scomparsa di Philip Seymour Hoffman, che emergono nuovi particolari sulla morte dell’attore.

Citando fonti della polizia, la CNN riferisce che nell’appartamento di Hoffman sono state ritrovate una cinquantina di bustine con la scritta “Ace of spades” (“asso di picche”) e con all’interno una sostanza che sembrerebbe eroina. Altre bustine, vuote, recavano la scritta “Ace of hearts” (“asso di cuori”): si tratta di due nomgnoli con cui l’eroina è conosciuta per le strade.

Nell’abitazione, sono stati rinvenuti anche vari farmaci per la pressione del sangue, per il trattamento delle tossicodipendenze e alcuni psicofarmaci. Il corpo senza vita dell’attore 46enne era sul pavimento del bagno, con una siringa nel braccio sinistro: è stato rinvenuto dallo sceneggiatore David Katz, che si era recato nell’appartamento insieme ad un’altra persona.

«Siamo devastati dalla perdita del nostro amato Phil e apprezziamo tutto l’amore e il supporto che abbiamo ricevuto da tutti. È una perdita tragica e improvvisa e vi chiediamo di rispettare la nostra privacy in questo periodo di lutto», recita un comunicato ufficiale della famiglia. Hoffman, premio Oscar nel 2006 per per la sua interpretazione di Truman Capote in A sangue freddo, è stato visto vivo per l’ultima volta alle 8 del mattino di sabato (ora locale). Secondo quanto riferito da una fonte investigativa, l’attore sarebbe dovuto andare a prendere i figli, ma non si è mai presentato all’appuntamento.

In queste ore è in programma l’autopsia, che chiarirà definitivamente ogni mistero. Non dimenticate di dare un’occhiata stasera in tv su Iris, che per l’occasione trasmetterà il bellissimo film di Sidney Lumet Onora il padre e la madre, una delle più intense interpretazioni di Hoffman.