Pierre Coffin, Chris Renaud – Cattivissimo me 2

Il 2013 non è ancora terminato, ma per Cattivissimo me 2 c’è già aria di primo posto nella classifica del box office. Merito di una storia ben congeniata, di personaggi accattivanti e della qualità altissima dell’animazione, con i registi Pierre Coffin e Chris Renaud a dirigere le operazioni con brio e gusto cinefilo.

Protagonista della storia, ancora una volta, Gru, l’ex “cattivissimo” che, nel primo capitolo del 2010, tentava di rubare la Luna (letteralmente) salvo convertirsi e scoprirsi buono. In questo nuovo film lo troviamo felice padre di famiglia (le piccole Margo, Edith e Agnes) e produttore di marmellate: sono insomma finiti i tempi delle strampalate cospirazioni con il dottor Nefario e i maldestri Minion. Ma quando la Lega anti “villain” chiede il suo aiuto, Gru è costretto a rimettersi in gioco: sembra che un nuovo cattivo abbia rubato un laboratorio in Alaska, impossessandosi di un filtro in grado di trasformare chiunque in un malvagio.

Emerge dunque anche stavolta il tema di fondo del film di Coffin e Renaud: il conflitto, tutto interno al cuore dell’uomo, tra bene e male. La scelta del primo a scapito del secondo avviene grazie all’amore: Gru (abbreviazione di “gruesome”, “orrendo”) impara a manifestare e gestire i sentimenti che prova per le sue piccole (inclusa la gelosia nei confronti di Margo, innamorata del messicano Antonio), e si lascia catturare dalla nuova partner, l’irresistibile Lucy Wilde.

La sceneggiatura di Cinco Paul e Ken Daurio sviluppa il tutto in forma brillante, con notevole senso del ritmo, mescolando con disinvoltura spy-story e film romantico. Ogni tanto l’amalgama non è perfetta, e il gusto per la gag prende un po’ il sopravvento (le “imprese” dei Minion, protagonisti anche di alcuni irresistibili numeri musicali), ma è un peccato che il film riesce a tenere entro il recinto del veniale.

Cattivissimo me 2, insomma, non è l’opera perfetta che i 5 milioni di euro incassati (sinora…) lascerebbero supporre, ma è sicuramente un prodotto di ottima fattura, una favola per grandi e piccini che ha dalla sua soprattutto un pregio: regalare oltre un’ora e mezza di divertimento intelligente.

SOSTIENI LA BOTTEGA

La Bottega di Hamlin è un magazine online libero e la cui fruizione è completamente gratuita. Tuttavia se vuoi dimostrare il tuo apprezzamento, incoraggiare la redazione e aiutarla con i costi di gestione (spese per l'hosting e lo sviluppo del sito, acquisto dei libri da recensire ecc.), puoi fare una donazione, anche micro. Grazie