Fernando Bermúdez e La metà del doppio

Fernando Bermúdez è un grandissimo autore, poco conosciuto forse in Italia. Edizioni Spartaco porta in libreria La metà del doppio. Il volume è a cura di Giovanni Barone.

Pubblicato per la prima volta in Italia da Edizioni Spartaco, Fernando Bermúdez, nato a Buenos Aires nel 1962, è un autore straordinario, vincitore con «La mitad del doble» del Premio Julio Cortázar e del Premio Juan Rulfo, assegnato a Parigi dalla Casa Cultural de México. Forte dei suoi maestri privilegiati, Macedonio Fernández e Jorge Luis Borges, la scrittura di Bermúdez è colta e articolata, e cela un’architettura complessa, fatta di piani temporali scomposti, di crepe, «interstizi di assurdo» che minano lo stesso linguaggio.

NEL NOSTRO SHOP ONLINE PUOI TROVARE TANTI PRODOTTI A TEMA LETTERARIO DEDICATI AI ROMANZI PIU’ FAMOSI

Shop gennaio

Fernando Bermúdez – La metà del doppio

Fernando BermúdezSprofondare nella codardia paralizzati dal giudizio altrui. Vestire il rimpianto, allontanare la felicità. Guardarsi dall’alto, come da uno specchio sul soffitto, mentre si fa o si perde l’amore e ci si scioglie in un orgasmo o in un addio. Girare per le strade di una città, cercare e trovare chi inseguivamo, un sogno, un ideale.

Viaggiare il mondo attraverso cartoline illustrate. Affrancarsi da un sogno, una superstizione, un presagio di morte. Perdersi nelle possibilità infinite partorite da una mente agonizzante. Discutere, litigare, impuntarsi su futilità e scoprire ridicolo il quotidiano.

Immergersi in queste storie è diventarne protagonista, esserne risucchiati, restarne aggrovigliati, viverle in prima persona. Fernando Bermúdez è un maestro nel mescolare le carte, giocare con l’indefinito, creare orditi e intanto entrare nelle trame dialogando col lettore, che ne diventa così personaggio attivo.

Leggendo, ci inoltriamo tra «sentieri che si biforcano», finzioni e realtà vagheggiate. I piani temporali sono stravolti, i punti di vista e le prospettive in continuo movimento.

L’esperienza che ci regalano questi racconti è un viaggio in noi stessi, l’accensione dei sensi e dell’immaginazione. La scrittura labirintica ci fa riflettere sul destino, sul tempo, sull’amore, sulla circolarità dell’esistenza. Il linguaggio è curato ma essenziale, dai rimandi ai grandi autori (da Macedonio Fernández a Borges e Calvino), caratterizzato da strutture sorprendenti e innovative, da una ricca e articolata intertestualità.

Il curatore

Giovanni Barone, già funzionario del ministero dell’Istruzione e poi degli Esteri, e collaboratore presso il Consolato generale d’Italia a Rosario in Argentina in programmi di diffusione della lingua e della cultura italiana. Per la casa editrice e/o ha tradotto «Animali domestici» dell’argentino Guillermo Saccomanno e «Carne di cane» del cubano Pedro Jan Gutierrez.

SOSTIENI LA BOTTEGA

La Bottega di Hamlin è un magazine online libero e la cui fruizione è completamente gratuita. Tuttavia se vuoi dimostrare il tuo apprezzamento, incoraggiare la redazione e aiutarla con i costi di gestione (spese per l'hosting e lo sviluppo del sito, acquisto dei libri da recensire ecc.), puoi fare una donazione, anche micro. Grazie