Lissa Evans

Lissa Evans e La guerra di Mattie

A marzo è arrivato in libreria per Neri Pozza il nuovo romanzo di Lissa Evans, La guerra di Mattie. Un personaggio determinato e invincibile.

Lissa Evans – La guerra di Mattie

Se è vero che «una determinazione invincibile può ottenere qualsiasi cosa», come disse Thomas Fuller, è vero anche che nessuno, più di Matilda Simpkin, detta Mattie, incarna alla perfezione queste parole: ex indomita suffragetta, ha sempre lottato per il diritto delle don-ne a essere trattate da cittadine alla pari degli altri, non esitando mai a gettarsi nella mischia, quando necessario.

Ora, però, le cose sono cambiate. È il 1928 e Mattie sente di assomigliare ogni giorno di più al veterano di una guerra che nessuno più ricorda. Certo, è membro della Lega per la Libertà delle Donne, l’ultima coda delle suffragette, e presta le sue capacità oratorie in una serie di conferenze che dovrebbero chiamare a raccolta le donne. Tuttavia, anziché essere uno squillo di tromba, i suoi discorsi si risolvono in un’occasione di divertimento per il pubblico accorso.Un giorno, però, a una di queste conferenze, si presenta Jacqueline Fletcher.

Lissa EvansAnni prima Jacko si era battuta al suo fianco nella lotta per l’emancipazione femminile, ma ora, i capelli ingegnosamente ondulati e una stola drappeggiata con cura sull’abito, rivela all’amica che, assieme al marito, sta provvedendo a reclutare giovani donne da unire all’organizzazione dei Fascisti dell’Impero.Mattie si rende conto che è tempo di ritornare alla guerra.

Disgustata dalle parole di Jacko, ridiventa un’indomita suffragetta. For-ma le «Amazzoni», un gruppo in cui cerca di trasmettere alle giovani donne qualcosa della storia e dei metodi del movimento delle suffragette militanti.Attraverso una prosa arguta ed elegante, La guerra di Mattie offre il ritratto comico, affascinante e sorprendentemente attuale di un’attem-pata ribelle nella Londra del primo dopoguerra.

Lissa Evans è cresciuta nelle Midlands occidentali. Dopo aver studiato medicina all’Università di Newcastle, ha lavorato come medico per quattro anni, prima di spostarsi alla BBC Radio, e poi in televisione, dove ha prodotto e diretto diverse serie, tra cui Room 101 e Father Ted, per cui ha vinto un BAFTA. Il suo primo libro, Spencer’s List, è stato pubblicato nel 2002 e da allora ha scritto altri quattro romanzi per adulti e tre romanzi per bambini. Vive a Londra con suo marito e due figlie.