Congo Blues

Congo Blues: l’eredità del colonialismo

Dal 13 febbraio in libreria per Marsilio Congo Blues, di Jonathan Robijn. Un romanzo melanconico e potente, che si confronta con la difficile eredità del colonialismo.

Le potenze dell’anima di Elémire Zolla: Congo Blues un libro antesignano e intramontabile sul contrasto insanabile tra i “poteri” dominanti e le “potenze” interiori ribelli alla sottomissione.

Congo Blues – Jonathan Robijn

Congo BluesMorgan è un pianista, per lo più disoccupato, che non ricorda granché della sua infanzia perché è nato in Congo ed era molto piccolo quando è arrivato a Bruxelles con un aereo. Si guadagna da vivere suonando nei locali che popolano la ricca scena jazz della città belga dai grandi viali e dalle enormi ville, costruiti con i fiumi di denaro provenienti dall’ex colonia. Nella notte di Capodanno del 1988, rientrando dopo un concerto, trova vicino casa una donna che dorme profondamente, al freddo.

È giovane, indossa un vestito elegante, e Morgan decide di portarla con sé prima che si congeli. Quando la adagia sul letto, dalla sua borsa scivola una busta piena di contanti: sono moltissimi soldi. Dopo qualche giorno, così com’era apparsa, Simona, la ragazza misteriosa, scompare all’improvviso, ma la magia e l’intensità di quell’incontro non se ne vanno con lei. Morgan vuole ritrovarla. Qualcosa in quello che lei gli ha raccontato ha risvegliato in lui memorie assopite. Davvero è successo tutto per caso? E quali sono gli affari che Simona porta avanti in Congo insieme all’uomo che, sfuggente come lei, gira al volante di una Maserati rossa? Mentre cerca di scoprire chi sia veramente la donna che ha salvato dal gelo, Morgan non si accorge che la sua indagine sull’identità altrui lo sta portando molto vicino al proprio passato, alla sua stessa storia, così indissolubilmente legata al dramma del colonialismo.

Scrive Simone Weil che conoscere le proprie radici è il più importante ma meno riconosciuto bisogno dell’animo umano: ma davvero diventiamo persone più complete nel momento in cui sappiamo da dove veniamo, oppure è meglio non indagare troppo e limitarci ad andare avanti al meglio con la nostra vita?