Portici di carta

Portici di Carta 2019: la libreria più lunga del mondo

Arriva Portici di Carta: l’edizione 2019 della libreria più lunga del mondo, progetto della Città di Torino, realizzato da Associazione Torino, Città del Libro e Fondazione Circolo dei lettori, con il sostegno di Regione Piemonte e con la partecipazione dei librai torinesi, coordinati da Rocco Pinto, compie 13 anni.

Se fare 13 rappresentava il sogno di una vita migliore per l’Italia del dopoguerra, tagliare un tale traguardo per una manifestazione di promozione del libro e della lettura, dalla forte impronta popolare, che è riuscita sin dalla prima edizione a coinvolgere tutti i soggetti della filiera del libro – dagli editori ai librai, dalle biblioteche alle scuole -, equivale davvero a una scommessa vinta.

Sabato 5 e domenica 6 ottobre, 63 librerie indipendenti e di catena di Torino e provincia e 57 piccoli e medi editori piemontesi animano con due chilometri di librerie en plein air di via Roma, piazza San Carlo e piazza Carlo Felice. L’edizione di quest’anno è dedicata, a pochi mesi dalla scomparsa, ad Andrea Camilleri: un doveroso e commosso omaggio all’autore che, più di ogni altro, negli ultimi venti anni, ha contribuito con i propri libri e personaggi indimenticabili come Montalbano a promuovere e incentivare la lettura nel nostro Paese. Due gli editori ospiti: Bompiani, che festeggia i suoi gloriosi 90 anni, e Terre di Mezzo, editore per bambini che ama abitare i confini e che insegna a misurarsi con la complessità del tempo presente.

Gli incontri e i reading di Portici di Carta sono all’Oratorio San Filippo Neri e al Circolo dei lettori, mentre in piazza San Carlo spazio ai laboratori per bambini a cura delle Biblioteche Civiche Torinesi, di ITER e del Dipartimento Educazione del Castello di Rivoli. Sempre in piazza San Carlo torna il Bibliobus, mentre nella zona pedonale di via Roma si avvicendano le iniziative promosse dal Centro Interculturale. Ai Giardini Sambuy si rinnova la collaborazione con il mercato agricolo Googreen curato dall’Associazione Giardito Forbito, così come la domenica mattina si ripropone l’appuntamento con A spasso tra le pagine, che raggruppa le sei passeggiate letterarie curate da Alba Andreini e i tre itinerari nella Torino dei libri e dell’editoria.

Portici di Carta 2019 è tra le azioni richiamate nel Patto della Lettura, recentemente siglato dai soggetti protagonisti della filiera del libro, che formalizza un’alleanza e un coordinamento permanenti nell’intento di fornire un contributo essenziale al radicamento e alla diffusione della lettura in città.

(Francesca Leon, assessora alla Cultura Città di Torino)

Portici di Carta

LA DEDICA AD ANDREA CAMILLERI

Uno degli scrittori più amati degli ultimi decenni, con la sua ironia sottile e con il suo impegno civile, ha concorso a mantenere viva la consapevolezza dei pregi e dei difetti degli italiani nei passaggi cruciali della storia recente. I librai di Portici di Carta sono felici di dedicare a lui, che è onnipresente nelle vetrine e negli scaffali delle loro librerie, l’edizione 2019 della manifestazione.

EDITORI OSPITI

BOMPIANI. UNA STORIA LUNGA 90 ANNI
Una delle più importanti e autorevoli case editrici italiane compie 90 anni. Portici di Carta vuole celebrare questo anniversario e l’intuizione del fondatore Valentino Bompiani, che decise di diventare editore dopo essere stato uno stretto collaboratore di Arnoldo Mondadori. Il suo catalogo, sterminato e ricchissimo, conta Steinbeck e Camus, Malraux e Cronin. E poi, Moravia, Eco, fino ad Antonio Scurati, Premio Strega 2019, che festeggia un anno dall’uscita del fortunatissimo M. Il figlio del secolo.

TERRE DI MEZZO. UN UNIVERSO, TANTI MONDI
Un piccolo universo in cui abitano tanti mondi: Fa’ la cosa giusta!, fiera del consumo critico e stili di vita sostenibili, l’associazione di volontariato Insieme nelle Terre di Mezzo che ha ideato e conduce La grande fabbrica delle parole, laboratorio di scrittura per bambini. E l’editore, che pubblica 50 nuovi titoli all’anno, tra cui le guide della collana Percorsi, i libri per bambini de L’Acchiappastorie, i manuali creativi delle Ecofficine, i Diari dell’Archivio Nazionale di Pieve Santo Stefano.