rosa montero

Rosa Montero e la storia di Marie Curie

In libreria per Ponte alle Grazie Rosa Montero con La ridicola idea di non vederti più. La storia di Marie Curie e la mia. Una delle più importanti scrittrici spagnole di fronte al lutto. La vita della scienziata più importante del Novecento. Biografia e perdita, scoperta e nascita s’incontrano in un libro unico.

«Ho comprato una mezza dozzina di biografie di Madame Curie, della quale prima sapevo alcune cose, ma non tante. E nella mia testa è iniziato a crescere qualcosa di informe. Voglia di raccontare la sua storia a modo mio. Voglia di usare la sua vita come metro per capire la mia; e non sto parlando di teorie femministe, ma del tentativo di sviscerare qual è il #PostoDellaDonna in questa società in cui i ruoli tradizionali sono stati cancellati»

rosa monteroNel 2009 Rosa Montero perde il suo amatissimo compagno di vita. Vorrebbe scriverne, per sublimare il dolore, ma non ha mai raccontato sé stessa nei libri. Ha sempre messo in scena i suoi sentimenti e le sue emozioni nascosta dietro i personaggi dei suoi romanzi. Mentre sta riflettendo al da farsi, si imbatte nel diario di lutto di Marie Curie, la grande scienziata che ha perso il marito, Pierre Curie, nel 1906. Nel diario di questa donna serissima trova un urlo di dolore e di disperazione, un lutto profondo, un amore appassionato. Sente che può utilizzare il personaggio di Marie Curie, così grande e così complesso, come uno schermo su cui proiettare le riflessioni e le emozioni che giravano nella sua testa e nel suo cuore da due anni. Si immaginava che fosse una donna fredda – anche Einstein la descrive così: “molto intelligente ma fredda come un pesce” – ma questo breve diario rivela a Rosa una Marie molto umana, appassionata e molto vicina a lei. Comincia a indagare, accumula documentazione: fotografi e, biografie, lettere, per tentare di comprendere il mistero di Marie e più si immerge nella sua vita e più percepisce risonanze con la sua. Le storie di Marie e Rosa si intrecciano in questo indimenticabile omaggio alla vita, all’amore e, perché no, anche alla morte.

L’AUTRICE

Rosa Montero è nata a Madrid nel 1951. Laureata in psicologia, ha collaborato come giornalista con numerose testate. Dal 1976 scrive in esclusiva per El País. Opinionista apprezzatissima nei Paesi di lingua spagnola, ha pubblicato con successo reportage e saggi per i quali ha ricevuto nel 1980 il Premio Nacional de Periodismo. È autrice di biografie, libri per l’infanzia, romanzi. Con Salani ha pubblicato Notturno di sole, Lacrime nella pioggia e La pazza di casa (vincitore del premio Grinzane Cavour).