Con Kubrick. Storia di un’amicizia e di un capolavoro

In libreria per minimum fax dallo scorso 31 gennaio, in una nuova veste grafica, un libro che parla di Stanley Kubrick e Full Metal Jacket. Con Kubrick. Storia di un’amicizia e di un capolavoro, di Michael Herr.

Nel gennaio del 1999, mentre stava terminando il montaggio di Eyes Wide Shut, Stanley Kubrick telefonò a Michael Herr, con cui aveva sceneggiato Full Metal Jacket, e disse che sarebbe stato felice di fare una lunga intervista con lui in occasione dell’uscita del film. Si erano conosciuti nel 1980 e per anni avevano scritto insieme quello che è ritenuto da molti il più grande film di guerra di tutti i tempi, ma la loro amicizia era durata ben oltre Full Metal Jacket, e quando l’improvvisa morte di Kubrick impedì l’intervista che aveva chiesto, Michael Herr scrisse al suo posto questo libro furioso e malinconico, Con Kubrick, la storia di quell’amicizia e di quel capolavoro.
Nel tratteggiare la figura di Kubrick, Herr si propose di confutare la trita mitologia che lo circondava, sostituendo all’icona minacciosa del regista folle e misantropo il ritratto di un uomo pieno di calore umano, leale, appassionato e infinitamente curioso.
Con Kubrick è uno sguardo privilegiato e definitivo sul regista che ha cambiato per sempre il cinema contemporaneo, e sull’uomo, complicato e spesso frainteso, che si teneva nascosto dietro l’immagine dell’artista.