Charlie Sheen, 20 mila dollari per far uccidere l'ex fidanzata

Charlie Sheen è (di nuovo) nei guai. A quanto pare l’attore sarebbe stato disposto a sborsare ben 20 mila dollari per far uccidere la sua ex fidanzata, Scottine Ross, da un killer.
«Questa stronza deve essere sepolta» ha affermato l’attore in una telefonata, intercettata, con il sicario. Sembra un po’ la trama di un film, ma, purtroppo, è la realtà, tanto che il Dipartimento di Polizia di Los Angeles ha aperto un’inchiesta contro Sheen. Per quanto riguarda la Ross, la rottura con la star di Due Uomini e mezzo è avvenuta nel 2014 e, già allora, la donna aveva accusato il partner di abusi mentali e fisici. Inoltre, la Ross aveva accusato l’ex compagno di averle tenuto nascosto il fatto di aver contratto il virus dell’HIV.
Non è finita qui: in un altro nastro, un’altra ex partner di Sheen gli ha chiesto perché non l’abbia avvertita di essere infetto. La risposta dell’attore sarebbe stata «Perché non sono affari tuoi». Le donne infettate dall’attore non sarebbero poche: pare che Sheen abbia speso, nel solo 2013, un milione di dollari in prostitute, le quali potrebbero, a loro volta, aver contratto il virus.

SOSTIENI LA BOTTEGA

La Bottega di Hamlin è un magazine online libero e la cui fruizione è completamente gratuita. Tuttavia se vuoi dimostrare il tuo apprezzamento, incoraggiare la redazione e aiutarla con i costi di gestione (spese per l'hosting e lo sviluppo del sito, acquisto dei libri da recensire ecc.), puoi fare una donazione, anche micro. Grazie