La Cineteca di Bologna omaggia i cent'anni di Orson Welles

Il 6 maggio 1915 nasceva Orson Welles, grandissimo attore, regista, sceneggiatore e produttore statunitense, una delle più grandi personalità del Novecento, capace di raggiungere risultati eccellenti in qualsiasi ambito artistico, dal teatro, alla radio (ricordate il bizzarro caso de La guerra dei mondi? Ne parliamo qui), al cinema.

La Cineteca di Bologna ha deciso di omaggiare l’opera di Welles con una retrospettiva, in programma il prossimo luglio: in Piazza Maggiore, in occasione di Sotto le stelle del cinema, verranno proiettati i più noti successi del regista, primo fra tutti il suo capolavoro, Quarto potere. Ma non solo: spazio anche per Otello, Macbeth, Rapporto confidenziale, L’infernale Quinlan, Il processo e F come Falso. Il lavoro di Welles sarà protagonista anche al festival Il cinema ritrovato, dove verrà presentato pure il documentario Magician: The Astonishing Life and Work of Orson Welles, di cui vi proponiamo sotto il trailer.

Per quanto riguarda il privato di Welles, è stato notoriamente un uomo molto diretto, tanto da definire “una salsiccia” Marlon Brando e “un ipocrita” Woody Allen. Sposato per tre volte, il regista è padre di tre figlie, una per ciascun matrimonio: Chris da Virginia Nicholson (il matrimonio durò dal 1934 al 1940), Rebecca da Rita Rayworth (moglie dal 1943 al 1947) e Beatrice dall’italiana Paola Mori, ultima consorte dal ’55 fino alla morte di Welles, avvenuta nell’85 (tuttavia, i due vissero separati per molti anni pur non divorziando mai, dal momento che già nel ’62 Welles aveva intrapreso una relazione con Oja Kodar).