"Un certain regard": Isabella Rossellini presidente di giuria

Sarà Isabella Rossellini il presidente di giuria della sezione Un certain regard a Cannes 2015. Proprio oggi verrà annunciata in conferenza stampa la lista dei film in competizione. Per la Rossellini quello di Cannes sarà un festival all’insegna della famiglia: infatti, proprio il volto di Ingrid Bergman (madre della Rossellini) è stato scelto per il manifesto ufficiale della kermesse, onore che l’hanno scorso era toccato al nostro Marcello Mastroianni, immortalato in 8 ½ del grande Fellini (a proposito, l’avete visto il nuovo trailer della pellicola a cura del British Film Institute? Ve lo proponiamo qui).

Tornando alla Rossellini, ricordiamo che è nata a Roma nel ’52 (ha una sorella gemella, Isotta). Figlia della Bergman e di Roberto Rossellini, da anni Isabella vive negli Stati Uniti. Esordisce nel ’76 in Nina di Vincente Minelli e prosegue nel ’79 con Il prato di Paolo e Vittorio Taviani, accanto a Michele Placido. Sposa sempre nel ’79 Martin Scorsese, da cui divorzia nell’83. Si lega poi a Mikhail Baryshnikov, conosciuto sul set di Il sole a mezzanotte. Un altro suo compagno nel privato fu David Lynch, che la diresse in Velluto blu. Negli ultimi anni la Rossellini si è dedicata alla scrittura di tre libri: la sua autobiografia, Some of me, seguita da Looking at me e In the name of the father, the daughter and the Holy Spirits: Remembering Roberto Rossellini, sulla figura dell’illustre genitore. Il libro è stato accompagnato dal cortometraggio di Guy Maddin, Mio padre ha 100 anni. La Rossellini è stata a sua volta regista di un paio di cortometraggi, dedicati alla vita sessuale degli insetti e degli animali marini.

Di seguito, una clip da Velluto blu: