Rowling attaccata da un omofobo (ma la questione è politica)

J.K. Rowling attaccata da un omofobo circa uno dei suoi personaggi più noti, Albus Silente. La storia è vecchia: interrogata in merito, l’autrice aveva svelato anni fa, durante un’intervista, l’orientamento sessuale di Silente, particolare che non aveva per nulla scandalizzato allora ma che, purtroppo, scandalizza oggi. L’attacco arriva direttamente da Twitter, da parte di tale Frank Fraticelli, letteralmente scomparso dal social dopo le sue dichiarazioni (ma il suo tweet è stato, nel frattempo, diffuso, lo trovate in fondo alla news).

In realtà, l’attacco giunge in seguito a una questione di natura politica, relativa all’indipendenza della Scozia dal Regno Unito: nei giorni scorsi, inoltre, è stato affrontato presso il parlamento scozzese proprio il tema delle unioni omosessuali, per le quali la scrittrice è sempre stata a favore. Inoltre, la Rowling ha affermato che non è con l’indipedenza che gli scozzesi potranno affermare la loro identità, mentre Fraticelli, di opinione contraria, ha trovato il pretesto per attaccarla pubblicamente.

La Rowling è nata in Inghilterra, ma pare che le prime pagine di Harry Potter siano state scritte proprio ad Edimburgo, dove la scrittrice ancora oggi vive, nonostante sia una delle più accese sostenitrici del “no” all’indipedenza scozzese. Anche lei il prossimo 18 settembre, come 4 milioni di scozzesi, sarà chiamata a votare e noi supponiamo già quale sarà la sua scelta. Nel frattempo, la Rowling non ha rinunciato ad attaccare i nazionalisti, giudicati aggressivi «come i nemici di Harry Potter».