Desiderio

Desiderio. Il nuovo libro di Giorgio Montefoschi

Dal 13 febbraio è in libreria, per La Nave di Teseo, Giorgio Montefoschi con Desiderio. Il Premio Strega 1994 torna alla narrativa con un memorabile romanzo d’amore.

Un uomo e una donna che si inseguono per 30 anni dentro a un desiderio che sembra eterno. Placido e assieme vorticoso come una pellicola cinematografica dal sapore perduto, Desiderio è un romanzo sulla nostalgia dei futuri destinati a non realizzarsi, sull’erosione delle possibilità, pure dentro al carburante apparentemente inesauribile della passione.

Giorgio Montefoschi – Desiderio

DesiderioRoma,1962. In una città già deserta e indolente alle porte dell’estate, Matteo perde la testa per Livia, che, assieme al fratello Marco, fa parte del suo gruppo di amici – tutti universitari di famiglia borghese. Se Matteo è preda del più totale stordimento amoroso, Livia, enigmatica e sfuggente, decide di andarsene a studiare a Londra, gettando il ragazzo nello sconforto.

Vent’anni dopo Matteo è un giornalista affermato, ha sposato Anna e ha avuto due figli. Ma la sua vita viene turbata da un improvviso, brusco, ritorno del passato: incontra per caso, uno dopo l’altro, alcuni degli amici di quel gruppo di gioventù e infine anche Livia. Nel rivederla Matteo viene investito da tutta la forza dei suoi sentimenti mai sopiti ed è disposto a tutto – a mettere in discussione il suo matrimonio, a lasciare casa sua, a trascurare il lavoro – per inseguire la donna, che gli si concede seppur inaccessibile e indecifrabile.

Ma la gelosia, il senso del sospetto e dell’incomprensione si insinuano costantemente nel loro rapporto, creando un filo di dipendenze e ritorni destinato a interrompersi e poi riprendere, avviluppando i protagonisti nel moto costante e fatale di un desiderio mai del tutto compiuto, e perciò eterno.