Peter Hadke

Peter Handke in libreria per Guanda

Martedì 10 dicembre l’Accademia svedese conferirà a Peter Handke il Premio Nobel 2019 per la letteratura. Il 21 novembre in libreria per Guanda il nuovo libro La ladra di frutta.

SCOPRI LE NOSTRE RECENSIONI NELLA CATEGORIA NARRATIVA

Peter HadkeLa motivazione dell’assegnazione a Peter Handke del Premio Nobel per la letteratura 2019 recita “per il suo influente lavoro che con ingegnosità linguistica ha esplorato la periferia e la specificità dell’esperienza umana”.

Le case editrici Guanda e Garzanti (Gruppo editoriale Mauri Spagnol) hanno pubblicato negli anni la gran parte dell’opera di Peter Handke. Nel 1966 Handke ha fatto il proprio debutto con I calabroni, e da allora ha affermato il suo ruolo importante nella scena letteraria internazionale. Dopo più di cinquant’anni, avendo prodotto un eccezionale numero di opere di generi diversi, si è consolidato come uno degli scrittori europei più significativi del dopoguerra. La particolarità dell’arte di Handke è la straordinaria attenzione che dedica ai paesaggi, alle riflessioni e a uno stile impeccabile. Il cinema e la pittura sono due delle sue più grandi fonti di ispirazione.

Ad aprire il nuovo libro di Peter Handke La ladra di frutta in uscita per Guanda il 21 novembre, è una puntura d’ape, la prima dell’anno, che in una giornata di mezza estate rappresenta per lui un segnale. È il momento di lasciare la «baia di nessuno», la casa nei pressi di Parigi, per mettersi in cammino verso la regione quasi disabitata della Piccardia, ripercorrendo l’itinerario compiuto, in un passato non meglio definito. La ladra di frutta, un personaggio sfuggente, dai tratti leggendari, «afflitta dalla smania di vagare» e incline a scartare dalla strada maestra per «sgraffignare» e assaporare i frutti di orti e frutteti, è partita invece con un intento preciso: ritrovare la madre, scomparsa da circa un anno dopo aver lasciato senza preavviso il suo posto di dirigente in una banca. Il viaggio della ladra di frutta e quello del narratore finiscono per sovrapporsi, per confondersi, per specchiarsi l’uno nell’altro: una serie di peripezie, incontri, folgorazioni ispirate dal contatto con la natura, che culminano in una grande festa. E questa sarà un approdo e un ricongiungimento, ma anche l’occasione per celebrare il vagare, l’erranza fine a se stessa, tutte quelle deviazioni dal tracciato che regalano visuali e doni inaspettati, come i frutti presi di soppiatto dai frutteti altrui. Il «semplice viaggio nell’entroterra» è ricco di rivelazioni e scoperte, e diventa, o forse è sempre stato, anche un percorso interiore.

Opere di Peter Handke (Griffen, 1942), nel catalogo GuandaI calabroniStorie del dormiveglia, L’ambulante, Prima del calcio di rigore, Falso movimento, Il peso del mondo, La storia della matita, Pomeriggio di uno scrittore, Epopea del baleno, Saggio sul luogo tranquillo, Saggio sul cercatore di funghi, I giorni e le opere, La ladra di fruttaDi prossima pubblicazione in GuandaLa donna mancina, La ripetizione, Appendice estiva a un viaggio d’inverno.

Opere di Peter Handke nel catalogo GarzantiInfelicità senza desideri, Storia con bambina, L’assenza, Saggio sulla stanchezza, Saggio sul juke-box, Saggio sulla giornata riuscita, La notte della Morava, Il grande evento.