Jacques Rupnik

Jacques Rupnik descrive l’Europa dopo il Comunismo

In libreria dallo scorso settembre, per Donzelli Editore Jacques Rupnik con Senza il muro. Le due Europe dopo il crollo del comunismo, con la traduzione di David Scaffei.

Jacques RupnikA distanza di trent’anni il futuro dell’Europa fa ancora i conti con la caduta del muro di Berlino spingendoci a guardare quanto accadde nell’89 non come un evento epocale conchiuso ma come un processo, le cui conseguenze si prolungano fino a oggi negli equilibri politici dell’Europa intera. Leggere questo libro significa riuscire a interpretare il passato ma anche il presente.

Jacques Rupnik è esperto di storia e politica dell’Europa centro-orientale, direttore di ricerca al Ceri (Centro di ricerche internazionali) presso l’Istituto di Scienze politiche di Parigi. Tra le sue recenti pubblicazioni, 1989 as a Political World Event. Democracy, Europe and the New International System (Routledge, 2014) e Europe at the Cross -roads. Democracy, Neighbourhoods, Migrations (Vaclav Havel Library, 2018).