Domenico Quirico

Domenico Quirico racconta Che cos’è la guerra

Esce per Salani il nuovo libro di Domenico Quirico, Che cos’è la guerra. Il racconto di chi l’ha vissuta in prima persona. Un’altra testimonianza dell’autore vincitore del Premio Terzani 2018.

Domenico QuiricoDomenico Quirico ha vissuto la guerra sulla propria pelle. Ne ha respirato l’odore aspro e feroce, ne ha ascoltato il clangore stridente, ne ha sopportato la vista, camminando tra le macerie delle città distrutte e mescolandosi alle folle in rivolta. Dalla sua esperienza di giornalista – uno tra i più importanti in Italia e nel mondo – nasce questo libro, che ripercorre un decennio di storia recente, intrecciando le voci e le testimonianze di coloro che la narrazione pubblica ha spesso lasciato ai margini. Tra le sue pagine rivivono i fermenti e le attese che hanno portato alla nascita delle primavere arabe; il dramma della Siria, lacerata da una guerra civile che ha lasciato sul campo una devastazione senza pari; l’odissea di chi è costretto ad abbandonare la propria terra e affrontare il mare alla ricerca della salvezza; la parabola di molti giovani alla deriva, radicalizzati dai cattivi maestri di un Islam che ha tradito la sua vocazione di pace. Alle storie altrui Quirico intreccia la propria, raccontando con cruda e poetica verità la traversata di ventidue ore su un barcone diretto a Lampedusa, fianco a fianco con i migranti, e rievocando i giorni disperati del suo rapimento in Siria e della prigionia. Che cos’è la guerra è la cronaca fedele e appassionata del nostro presente, un libro che parla alle nostre coscienze e ci costringe a non voltare lo sguardo. Perché se un cambiamento è ancora possibile, non può che nascere dall’impegno di tutti a conservare la nostra umanità.

Domenico Quirico è tra i più importanti giornalisti italiani. Ha lavorato a lungo come caposervizio della sezione esteri, corrispondente da Parigi e come inviato di guerra per La Stampa. Da sempre impegnato per documentare sul campo conflitti e rivoluzioni, è autore di numerosi saggi e reportage sui temi delle migrazioni e della radicalizzazione dell’Islam. Trai suoi libri più noti: Il Grande CaliffatoEsodo Ombre dal fondo, un’autobiografia a in cui racconta la propria storia personale e professionale, dalla quale è stato tratto l’omonimo film perla regia di Paola Piacenza. Ha vinto numerosi riconoscimenti per il suo lavoro giornalistico, tra cui il Premio Indro Montanelli nel 2013, il Premio Brancati nella sezione saggistica nel 2015 e il Premio Terzani nel 2018.