Miles Davis

Ecco un omaggio letterario e musicale a Miles Davis

Una grande novità in casa minimum fax con l’omaggio di George Grella Jr. a un leggendario disco di Miles Davis.

Miles DavisBitches Brew
Il capolavoro di Miles Davis che ha rivoluzionato il jazz
George Grella Jr

Bitches Brew, album doppio di Miles Davis, registrato nell’agosto del 1969 e pubblicato nel marzo del 1970, è un disco leggendario che da cinquant’anni disorienta e incanta gli appassionati di jazz e rock. George Grella, l’autore di questo libro-guida, lo ascoltò per la prima volta con un amico quando aveva quindici anni senza riuscire a capire cosa stesse succedendo. Grella e il suo compagno erano giovani ma non sprovveduti, suonavano già discretamente, conoscevano i meccanismi della musica jazz: «Sapevamo barcamenarci fra melodie e successioni di accordi e piazzare un assolo dove richiesto. Insomma, sapevamo strutturare la nostra musica. Ma la struttura di Bitches Brew ci sfuggiva completamente: non capivamo come ciascuna nota determinasse la successiva.» L’album è un misterioso monolito sonico e conquista Grella con l’oscura bellezza e le infinite promesse dalla sua musica inaudita – letteralmente: mai ascoltata prima.
In questo libro Grella sa trasmetterci tutto il suo entusiasmo giovanile, l’ebbrezza che si prova davanti a una rivoluzione musicale, ma soprattutto ci racconta la storia e svela i segreti di quell’oggetto magico che è Bitches Brew. Il disco è infatti il frutto della collaborazione tra due geniali sperimentatori: Miles e il produttore-compositore Teo Macero, e la loro visione viene sostanziata da un gruppo di musicisti fenomenali come Wayne Shorter, John McLaughlin, Joe Zawinul e Chick Corea che negli anni Settanta tracceranno nuovi percorsi del jazz.